• 28 Febbraio 2021
  •  
Logudorolive

Regione, due bandi per i servizi all’infanzia e alle persone più fragili

Palazzo Regione Sardegna

Stanziati dalla Regione Sardegna 14 milioni di euro per due bandi a favore dei servizi all’infanzia e alle persone più fragili.

Sono due i bandi pubblicati dall’Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza sociale della Regione Sardegna a sostegno dei servizi per l’infanzia e per le persone più fragili colpiti dall’emergenza Covid.

Il primo avviso,‘Primi passi’, a cui è stata attribuita una dotazione di 11milioni di euro dal Fondo per lo sviluppo e coesione, è rivolto ai Comuni e alle Unioni dei Comuni in cui sono presenti strutture per l’infanzia da 0 a 3 anni e si articola su due linee di intervento: supporto alle famiglie tramite la riformulazione dei servizi; sostegno economico per il mantenimento delle strutture per l’infanzia nei Comuni in cui i servizi sono stati danneggiati dall’emergenza. Le domande dovranno essere presentate entro il 26 marzo tramite il sistema regionale Sipes.

Studio legale Niedda Masala

Il secondo avviso, ‘Sine limes’, finanziato con risorse del Programma operativo regionale del Fondo sociale europeo per 3milioni di euro, è rivolto alle persone con limitazione nell’autonomia, e prevede l’erogazione di buoni, sotto forma di contributo a fondo perduto, per il rimborso delle spese sostenute per servizi di assistenza domiciliare e aiuto alla persona e servizi di cura, assistenza sanitaria e socio-sanitaria.

Ammessi al contributo, i soggetti con disabilità ai sensi dell’articolo 3 della legge 104 del 1992, persone in carico dei Centri di salute mentale o delle Unità operative di neuropsichiatria infantile e anziani di età superiore agli 84 anni.

Gli importi massimi del bonus variano a seconda del reddito e sono parametrati su tre scaglioni di Isee: 6mila euro (per Isee fino 15mila euro), 5.700 (per la fascia fino a 25mila euro) e 5.400 (per Isee fino a 35mila euro). Le domande dovranno essere presentate per via telematica attraverso il portale www.sardegnalavoro.it dal 29 gennaio 2021.