• 27 Maggio 2024
  •  

Sabato a Ittireddu la presentazione del libro di Diego Satta “Itiri fustialbos”

itiri fustialbos Diego Satta
L’evento, a partire dalle ore 18, si svolgerà nell’aula consiliare del Comune.

ITTIREDDU. Itiri fustialbos. Origini ed evoluzioni di un villaggio. Questo il titolo dell’ultima fatica editoriale di Diego Satta che sarà presentata domani, sabato 25 marzo, alle ore 18 nell’aula consiliare del Comune di Ittireddu. Si tratta di una riedizione riveduta e aggiornata del libro già pubblicato nel 1991, che racconta la storia di Ittireddu, Itiri fustialbos per l’appunto. Riproposto in una nuova veste grafica, il nuovo volume è il frutto di trent’anni di ulteriori studi e ricerche che l’autore ha condotto incessantemente per acquisire nuove notizie, curiosità, documenti e immagini varie.

Divisa in capitoli 18 capitoli, l’opera ripercorre la vita del piccolo centro logudorese partendo dalla preistoria e attraversando l’epoca medievale, il ‘700, l’800, tutto il ‘900 fino ad arrivare ai giorni nostri. Tra le tante notizie e curiosità distribuite in quasi 500 pagine, di sicuro interesse sono le parti dedicate ai sindaci, ai centenari, al fenomeno dell’emigrazione – con varie testimonianze –, ai parroci, alla devozione per San Giacomo, allo sport, alle attività sociali, culturali e manifestazioni varie. Insomma, uno spaccato di vita paesana dove ogni ittireddese può trovare non solo tante risposte, ma anche informazioni e particolari inediti su vicende e personaggi che hanno fatto la storia del paese.

Webp.net gifmaker 1

«Non è stato facile realizzare quello che io chiamerei il “mosaico” – afferma Diego Satta –, nel senso di dare un filo logico alle tante notizie, spesso frammentarie e non collegate ai definitivi effetti di fatti e vicende di cui ho percepito i contorni. Tuttavia questa ricerca contiene elementi, notizie e documenti che possono ulteriormente appassionare il lettore “ittireddese” poiché attraverso queste acquisizioni risaltano più nitidamente certi particolari che possono dare risposte alle tante domande e curiosità che spesso si pongono. Questo mio volume – conclude Satta – vuole anche rappresentare il paese odierno nella sua immagine ricca di attività sociali, culturali e sportive con le quali intende combattere lo spopolamento».

Alla serata, organizzata dall’Associazione Zuighes, editrice della pubblicazione, è invitata tutta la popolazione, in particolare tutti gli appassionati di storia locale. La presentazione sarà condotta dal sindaco Franco Campus che introdurrà gli interventi del giornalista Tonino Oppes, ex capo redattore di Rai3, e della docente di estetica dell’Università di Sassari, prof.ssa Gavina Cherchi che è anche la presidente di “Ammentos”, l’archivio memorialistico della Sardegna che pure ha sede a Ittireddu. Seguirà il dibattito con domande all’Autore.

Il libro, impaginato graficamente dall’AM Grafica di Antonello Sabattino e stampato dalla tipografia Tas di Sassari, sarà ancora possibile acquistarlo al prezzo scontato di 20 euro con lo scopo di recuperare le spese della stampa, mentre l’eventuale eccedenza verrà destinata in beneficenza.

Diego Satta è nato a Ittireddu nel 1944. Dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università di Sassari ha lavorato dal 1973 al 2005 come Dirigente dell’Istituto Incremento Ippico di Ozieri, concludendo la carriera come Direttore Generale.

Appassionato di lettura e di scrittura, svolge attività giornalistica come pubblicista iscritto all’Albo dal 1994 e ha collaborato con riviste ippiche regionali, nazionali ed estere. Dal 1975 al 1991 è stato Sindaco di Ittireddu, realizzando importanti opere infrastrutturali e sociali, oltre all’apertura del primo Museo archeologico ed etnografico del territorio.

Nel 2001 ha pubblicato per l’Editrice Soter di Villanova Monteleone il volume Chilivani, ottant’anni di ippica in Sardegna, saggio documentato sulla storia del più importante ippodromo sardo. Nel 2007 per l’Editrice “Il Torchietto” di Ozieri il romanzo Selvadore Espiga, quella notte maledetta di Santu Jagu, ispirato ad una faida divampata nel paese verso la fine dell’Ottocento

Nel 2014 per Carlo Delfino Editore Ammentos de una vida longa, biografia in lingua sarda del padre, in occasione del suo centesimo compleanno. Nel 2017 per “La Nuova Stampacolor” Eravamo I Zuighes, 50 anni di storia 1967-2017, revival dell’esperienza musicale vissuta in gioventù con la formazione di un Complesso beat e l’attività svolta nelle sale da ballo e nelle piazze.

Nel 2018, infine, ha raccolto e scritto per Carlo Delfino Editore, il libro di memorie raccontate da Giorgina Mameli-Piercy Giustiniani Dal Galles alla Sardegna. Storia della famiglia Piercy. Una ricostruzione della vicenda, lunga oltre un secolo, dell’ingegner Benjamin Piercy costruttore delle Ferrovie sarde e imprenditore agricolo lungimirante, fondatore dell’Azienda di Badde Salighes nel comune di Bolotana.

Leggi altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.