• 18 Maggio 2021
  •  

Sassari, aggressione nel centro storico: denunciato un 35enne nigeriano

Carabinieri Sassari

Aggressione nel centro storico. Identificato e denunciato dai Carabinieri l’uomo che sabato sera ha aggredito con un collo di bottiglia di vetro Costanzo Salis, artigiano sassarese di 68 anni.

SASSARI. Ieri mattina, a due giorni dall’aggressione subita nel centro storico di Sassari da Costanzo Salis, artigiano sassarese di 68 anni, i Carabinieri della sezione operativa della Compagnia di Sassari hanno identificato e denunciato alla locale Procura della Repubblica F.O., disoccupato nigeriano di 35 anni, già noto alle Forze dell’Ordine.

I fatti risalgono alla serata di sabato, quando Costanzo Salis è stato aggredito dal giovane con un collo di bottiglia di vetro, dopo averlo ripreso per aver gettato per strada una lattina di birra. Fortunatamente l’episodio si è risolto per il meglio grazie all’intervento di un gruppo di giovani senegalesi che sono riusciti a mettere in fuga il 35enne.

Le indagini, avviate immediatamente, hanno portato a contestare all’aggressore i reati di percosse e minacce aggravate dall’uso di strumenti atti ad offendere.

Pochi fotogrammi, reperiti da un impianto di videosorveglianza, posto non lontano dal luogo dell’aggressione, sono bastati ai militari della Compagnia di Sassari, che nel corso di numerose indagini condotte nel centro storico hanno acquisito una conoscenza capillare anche dei cittadini extracomunitari che vi dimorano.

Dalle immagini esaminate sono stati rilevati, infatti, i tratti somatici ed i capi di abbigliamento dell’uomo che hanno consentito di ricondurre quei dati ad un nome, il cui volto è stato inserito, insieme a quello di altri suoi connazionali, in un fascicolo fotografico fatto visionare alla vittima, che lo ha riconosciuto.

L’attività svolta rappresenta l’ennesima risposta della Compagnia Carabinieri di Sassari agli episodi di microcriminalità, che tanto disagio arrecano ai residenti del centro storico del capoluogo.

Leggi anche: AGGRESSIONE A SASSARI, LA LEGA: «LA CITTÀ NON DIVENTI PREDA DEI BALORDI»