• 15 Gennaio 2021
  •  
Logudorolive

Tortolì, in carcere marocchino di 29 anni per maltrattamenti in famiglia

Violenza sulle donne

TORTOLÌ. Maltrattamenti in famiglia, lesioni e violenza sessuale, finisce in carcere marocchino di 29 anni residente a Tortolì. Questo l’epilogo di un incubo che ha visto come protagonista una giovane donna e mamma ogliastrina, la quale ha avuto il coraggio di denunciare ai Carabinieri della Stazione di Tortolì una storia di aggressioni fisiche e verbali che andava avanti dal 2011 e perdipiù alla presenza del figlio minore.

I militari sin da subito hanno posto in essere quelle che sono le recenti disposizioni relative al codice rosso, intervenendo affinché la donna riuscisse immediatamente ad allontanarsi dal marito aguzzino. Dopo notevoli e molteplici attività per impedire il reiterarsi dei brutali gesti, la procura della Repubblica di Lanusei, che ha coordinato le indagini, ha ritenuto quindi opportuno richiedere l’arresto che è stato emesso dal GIP di Lanusei nella giornata di oggi.

L’uomo, fermato in giro nella cittadina, terminate le formalità di rito, è stato accompagnato al carcere di Lanusei.

L’arma dei Carabinieri da sempre è vicina alla gente, oggi anche con strutture ed idonee stanze “ROSA”, invita a denunciare e a segnalare sempre questo tipo di situazioni che possano essere indici di questi gravi fatti, proprio per la difficoltà delle vittime ad uscire dalla morsa dei loro persecutori.