• 18 Gennaio 2022
  •  

Vaccinazione anti Covid in Sardegna, in un anno somministrate quasi 3 milioni di dosi

Inoculate 413mila terze dosi, 4mila invece quelle iniettate ai bambini tra i 5 e gli 11 anni.

La campagna di vaccinazione anti Covid compie un anno. Il 26 dicembre 2020 sbarcavano nell’Isola le prime dosi del siero a MRna Pfizer-BioNtech trasportate con volo militare dall’aeroporto di Pratica di Mare. Il giorno seguente con il “Vaccine Day” nazionale le prime somministrazioni al personale sanitario.

Leggi: Consegnati i primi vaccini anti Covid-19 in Sardegna per il V-Day di domani

A distanza di 12 mesi sono quasi 3 milioni (2.956.000) le dosi inoculate nell’Isola, in particolare il 67% Pfizer, 20% Moderna, 12% AstraZeneca e 1% Johnson&Johnson. Il picco delle somministrazioni è stato raggiunto il 22 maggio con 24.752 iniezioni in una sola giornata, mentre per le terze dosi, la cui campagna è partita a fine settembre di quest’anno, il dato più alto è stato registrato il 10 dicembre con 14.682 vaccinazioni per un totale di 413 mila dosi somministrate. Dal 16 dicembre la campagna di vaccinazione ha aperto anche alla fascia d’età 5-11 anni, per un totale di 4.000 dosi pediatriche somministrate in poco più di una settimana.

Con una copertura del 79,2% la Sardegna è fra le prime sette regioni per popolazione che ha completato il ciclo vaccinale, contro una media nazionale che si assesta al 78%. Nella fascia d’età 12-19 anni la Sardegna è la prima regione per popolazione con ciclo completo con la copertura del 79,11% della platea, là dove la media italiana segna il 72,36%.

Ottica Muscas

«Stiamo portando avanti la più imponente campagna di vaccinazione che la Sardegna abbia mai conosciuto, sia per i numeri in gioco, sia dal punto di vista dell’organizzazione e delle forze in campo», ha detto il Presidente della Regione, Christian Solinas. «In un anno – prosegue il Presidente – abbiamo segnato risultati importanti e affrontato un percorso di costante crescita nella lotta al virus. In rapporto all’andamento della curva pandemica il numero delle ospedalizzazioni e soprattutto dei casi più gravi resta contenuto e questo grazie alla copertura vaccinale. Tuttavia il Covid rappresenta ancora una minaccia a causa della diffusione delle nuove varianti e la battaglia non è ancora vinta. Serviranno ancora responsabilità e impegno da parte di tutti».

«In un anno di campagna vaccinale è stato fatto un lavoro immenso», afferma invece l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu. «Grazie agli operatori sanitari – prosegue Nieddu –, ai volontari e a tutte le persone che hanno prestato e che ancora oggi prestano servizio negli hub e nei punti di vaccinazione del territorio, siamo riusciti a raggiungere traguardi significativi. Continuiamo – conclude – a seguire puntualmente l’evoluzione della curva pandemica. La campagna di vaccinazione prosegue e la massima attenzione resta alle categorie più fragili».