• 18 Settembre 2021
  •  

Vaccinazioni, Antonio Spano (Aou Sassari): «Seguite le indicazioni della Regione»

Vaccino anti Covid

Precisazioni del commissario dell’Aou Antonio Spano: «Sui criteri adottati massima trasparenza, pronti a vaccinare gli studenti e i tirocinanti appena arriveranno le disposizioni».

SASSARI. «Abbiamo seguito le indicazioni della Regione per le vaccinazioni sia del personale sanitario e non sanitario, quindi per gli specializzandi e per i dipendenti delle ditte esterne che lavorano all’interno delle nostre strutture ospedaliere. Un grande lavoro che nell’arco di 7 giorni ha portato alla vaccinazione di oltre 3.600 persone».

Sono le parole del commissario straordinario dell’Aou di Sassari, Antonio Spano, che interviene con alcune precisazioni in relazione all’articolo apparso oggi sul quotidiano locale.

«Apprezziamo – prosegue ancora il commissario straordinario – le parole del presidente dell’Opi di Sassari riportate dalla stampa on line, nel riconoscere il lavoro fatto dall’Aou di Sassari e nel precisare la sua posizione nei nostri confronti».

«La macchina sanitaria, vorrei ricordarlo – precisa ancora Antonio Spano – funziona anche grazie alla presenza del personale amministrativo che consente agli ingranaggi di girare. Il personale amministrativo, infatti, è anch’esso uno degli elementi fondamentali dell’organizzazione. Si pensi che esso garantisce anche la funzionalità tecnica dei reparti. Una macchina che funziona se vi è sinergia».

E la conferma che tutto il personale del comparto sanitario sia stato vaccinato arriva anche dalla struttura delle Professioni infermieristiche che, con il suo responsabile dottor Piero Bulla, fa sapere che «tutti gli infermieri e gli operatori socio sanitari hanno ricevuto prioritariamente il vaccino, come da programma». 

Sulle vaccinazioni e sui criteri adottati, inoltre, vige la massima trasparenza, data anche dai flussi dei dati trasmessi quotidianamente alla Regione e al ministero della Salute dalle equipe vaccinali create in Aou e dirette dal dottor Antonello Serra e dal professor Paolo Castiglia.

«A oggi – conclude il commissario – non abbiamo ricevuto dalla Regione l’autorizzazione a vaccinare gli studenti dei corsi di laurea e i tirocinanti. Non appena arriverà, saremo ben lieti di somministrare il vaccino anche a loro».

Il piano delle seconde dosi, infine, procederà come da programma e inizierà a partire dal 21esimo giorno dalla prima somministrazione, riprendendo dai primi operatori vaccinati.Si inizierà, appunto, il 21 gennaio, con i primi dieci operatori vaccinati il 31 dicembre quindi dal 25 gennaio tutti gli altri.