• 22 Giugno 2024
  •  

Agnello di Sardegna Igp, 2 milioni di euro per gli allevamenti esclusi dal premio accoppiato

Agnello sardo
Accolte dal ministero per l’Agricoltura le istanze del Consorzio di Tutela dell’Agnello Igp e di Origin Italia.

Due milioni di euro per gli allevamenti che nel 2023 hanno identificato gli agnelli Igp per partita e non singolarmente, e che risultavano esclusi dal premio accoppiato. Il Ministero per l’Agricoltura ha accolto le istanze del Consorzio di Tutela dell’Agnello Igp assieme a Origin Italia e ha emanato il decreto “Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e acqualcoltura”. Il provvedimento dà così una risposta non solo ai consorziati dell’Agnello di Sardegna IGP (84% della produzione nazionale con 744.319 agnelli certificati nel 2023 nell’isola), ma anche ai consorzi dell’Abbacchio romano (88.782 agnelli certificati) e dell’Agnello del Centro Italia (51.833 capi).

«Come Consorzio dell’agnello IGP di Sardegna insieme ad Origin Italia l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche – spiega Battista Cualbu, presidente del Contas – non possiamo che ringraziare il Ministro all’agricoltura, sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida per l’impegno e per aver accolto le istanze presentate dagli allevatori della Sardegna».

«Questo appena approvato – prosegue Cualbu – è un provvedimento fortemente auspicato dalla nostra filiera la quale sin dall’introduzione a febbraio 2023 (in piena campagna di macellazione) del sistema di etichettatura degli agnelli aveva segnalato ai Ministeri competenti le numerose criticità del nuovo procedimento di identificazione per i capi certificati IGP. Tali criticità si sono palesate soprattutto in concomitanza con il periodo delle festività pasquali e natalizie nel quale si concentra la maggior parte delle macellazioni causando un inevitabile rallentamento nel processo di certificazione degli animali. A fronte di 478.600 capi regolarmente identificati cosi come previsto dalla normativa europea, sono stati a fine campagna oltre 270 mila i capi IGP di Sardegna certificati con il vecchio sistema di identificazione e dunque esclusi dal sostegno accoppiato con una perdita per la filiera di circa 1.600 mila euro», conclude il presidente del Consorzio di tutela della Igp Agnello di Sardegna.

«È stato un percorso lungo alcuni mesi – evidenzia Alessandro Mazzette, direttore del Contas –, ma grazie all’impegno di Origin Italia, l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche, con il presidente Baldrighi ed il Direttore Rosati e alla particolare sensibilità che il Ministro dell’agricoltura ha manifestato verso il nostro settore, le nostre istanze sono state accolte e oggi possiamo comunicare ai nostri associati l’approvazione di un provvedimento che riveste  un’importanza fondamentale per gli allevamenti iscritti alla nostra IGP che in questi anni, anche a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime, hanno dovuto affrontare un sensibile riduzione della loro redditività».

«È importante far sapere agli allevatori che quest’anno sull’accoppiato riceveranno il pagamento dei soli capi IGP identificati con la procedura per capo singolo – spiega ancora Mazzette – mentre per tutti gli agnelli IGP macellati e certificati per partita (con i vecchi marchi auricolari), si dovranno attendere le modalità di presentazione della domanda di aiuto che l’ente pagatore AGEA dovrà definire entra trenta giorni dalla pubblicazione del decreto appena approvato dalla Comitato Stato Regioni».

Soddisfazione è stata espressa anche dal Ministro all’Agricoltura Francesco Lollobrigida per il quale «il Governo Meloni è sempre a fianco dei nostri allevatori ed è nostro dovere investire sulle nostre produzioni di eccellenza».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.