• 26 Febbraio 2024
  •  

Al via nella Chirurgia di Ozieri l’abbattimento delle liste d’attesa per le patologie genito urinarie benigne

dott. Carta Ozieri e dott. Saba Alghero
Il progetto dell’Asl di Sassari consentirà di prendere in carico oltre duecento pazienti.

OZIERI | 9 febbraio 2024. Dalla prossima settimana nell’ospedale di Ozieri partirà il progetto per abbattere le liste d’attesa chirurgiche delle patologie genito urinarie benigne. Saranno presi in carico i pazienti, oltre 200, che rientrano in una classe di rischio 3 (bassa), così da aumentare la disponibilità di visite anche per le classi di rischio superiori.

Il piano dell’Asl di Sassari punta sulla collaborazione tra la struttura complessa di Urologia di Alghero e la struttura complessa di Chirurgia Generale di Ozieri e si pone come obiettivo quello di «ridurre le liste operatorie su patologie ad alta diffusione ma altrettanto invalidanti, venendo incontro a una vasta fetta di utenza», spiegano il direttore di Urologia di Alghero, Pietro Saba, e il direttore della Chirurgia generale e d’urgenza di Ozieri, Giuseppe Carta.

Nei prossimi giorni, dunque, su un calendario stabilito dagli specialisti, i pazienti, visitati negli ambulatori urologici di Alghero, verranno poi presi in carico, preparati all’intervento e operati a Ozieri, dallo staff della Chirurgia e dell’Urologia con il coinvolgimento degli anestesisti e degli operatori del “Segni”.

Controllo visivo

«L’attività chirurgica – evidenziano dall’Asl – terrà conto delle classi di priorità dei pazienti e avrà inizio dal 15 febbraio prossimo, con una programmazione che inizialmente prevede tre sedute al mese in orario pomeridiano, con il coinvolgimento di 4-5 pazienti a seduta».

«L’Azienda sanitaria, intercettando le esigenze della popolazione e massimizzando le professionalità presenti nelle nostre strutture – spiega il direttore generale della Asl di Sassari, Flavio Sensi –, ha avviato un progetto che consentirà di intercettare i pazienti affetti da patologie urologiche benigne che, grazie alla collaborazione dei professionisti delle due equipe, ci consentirà, con l’utilizzo delle sale operatori di Ozieri, di smaltire le richieste dei duecento pazienti in lista d’attesa, nel corso di un anno, per poi andare a regime con un centinaio di interventi all’anno di chirurgia endoscopica, come papillomi vescicali, oltre a interventi all’idrocele, varicocele e fimosi, cisti del funicolo».

In copertina: da sin. il direttore della Chirurgia di Ozieri Giuseppe Carta e il direttore di Urologia di Alghero Pietro Saba.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.