• 24 Aprile 2024
  •  

Asl Sassari. Autismo, approvato l’albo dei fornitori per i progetti riabilitativi

Sede Direzione Aziendale Asl Sassari
Il direttore generale Sensi: «Abbiamo voluto avviare un percorso virtuoso volto a integrare i servizi, con l’implementazione di privati accreditati, per una presa in carico dei nostri pazienti sempre più personalizzata e attenta ai bisogni individuali».

SASSARI | 23 marzo 2024. In un mondo sempre più attento alla diversità e all’inclusione, la Asl di Sassari compie un importante passo avanti nel sostenere le persone affette da disturbi dello spettro autistico, offrendo loro un’ampia gamma di progetti e attività che vanno ben oltre le tradizionali proposte riabilitative.

Rugby, nuoto, vela, teatro, ma anche yoga e giardinaggio, attività musicali e artistiche, e anche equitazione, sono solo alcuni dei piani offerti ai pazienti dagli operatori che sono stati recentemente accreditati dall’Azienda sassarese e inseriti all’interno di un albo fornitori a cui verranno affidati gli incarichi. Questi ultimi, selezionati attraverso una manifestazione di interesse, sono ora incaricati di portare avanti programmi sperimentali che includono attività diversificate per andare incontro alle esigenze e alle preferenze dei singoli utenti.

Il ventaglio di proposte comprende 4 tipologie di attività: percorsi di assistenza alla socializzazione dedicati ai minori e all’ età di transizione fino ai 21 anni; percorsi di socializzazione con attività in ambiente esterno (gruppi di cammino, attività musicali, attività sportiva) dedicati agli adulti ad alto funzionamento; inclusione sociale (sport, tempo ricreativo, mostre); percorsi volti alla formazione e inclusione lavorativa.

«Le iniziative in programma sono strutturate per offrire abilità e competenze in contesti sociali e professionali, attraverso la gestione delle emozioni e la valorizzazione della creatività delle persone coinvolte», spiega Salvatorica Manca, responsabile della Struttura semplice dipartimentale Disturbo dello spettro autistico dell’Asl di Sassari e responsabile dei progetti.

«Le attività che andremo a mettere in campo attraverso operatori esperti – aggiunge il direttore socio sanitario della Asl di Sassari, Annarosa Negri – riguardano percorsi finalizzati alla socializzazione e all’incremento delle potenzialità, delle autonomie personali (orientamento, uso del denaro), e competenze utili in dinamiche di gruppo, prevedendo anche attività al di fuori del contesto familiare, quindi interazioni con ambienti esterni come all’interno di luoghi pubblici e ad eventi»

«I risultati attesi sono il miglioramento delle capacità di relazione e cooperazione nell’ambito del gruppo, dell’autostima e della qualità della vita, anche all’esterno delle mura domestiche e della cerchia familiare», concludono le due dottoresse.

«Come azienda sanitaria abbiamo voluto avviare un percorso virtuoso volto a integrare i servizi, con l’implementazione di privati accreditati, per una presa in carico dei nostri pazienti sempre più personalizzata e attenta ai bisogni individuali. E solo una programmazione attenta potrà esser in grado di garantire una continuità assistenziale ai nostri assistiti», conclude il direttore generale della Asl di Sassari, Flavio Sensi.

Il progetto è stato reso possibile grazie a una delibera regionale che ha disposto i fondi da assegnare all’Asl per interventi rivolti proprie alle persone con disturbo dello spettro autistico.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.