• 30 Gennaio 2023
  •  

Cgil, Cisl e Uil: «Inaccettabile la chiusura notturna del Pronto Soccorso di Ozieri»

Pronto Soccorso Ozieri

SASSARI. «Inaccettabile la chiusura nelle ore notturne del Pronto Soccorso del presidio ospedaliero di Ozieri». Così le segreterie territoriali di Cgil (Toto Terrosu), Cisl (Antonio Monni) e Uil (Augusto Ogana) della Funzione pubblica di Sassari dopo aver appreso la notizia della possibile sospensione temporanea del servizio fino al 16 gennaio. La causa di tutto ciò sarebbe la mancanza di personale medico, carenza che non permetterebbe l’apertura 24 ore su 24 del presidio, ma solo dalle ore 8 alle ore 20.

Le tre organizzazioni sindacali comunque auspicano che si «trovino soluzioni immediate affinché si scongiuri l’ennesimo taglio dei preziosi ed indispensabili servizi del territorio di Ozieri, già depauperati da precedenti tagli come la chiusura dell’unità operativa di Neurologia».

Essebi novembre ok 2

«Inoltre – continuano i tre Sindacati – la chiusura nelle ore notturne del servizio causerebbe, gioco forza, un ulteriore sovraffollamento dei Pronto Soccorso di Sassari e di Alghero, i cui riflessi andrebbero ad alimentare le lunghe ed inaccettabili attese da parte dei cittadini e, nel caso vengano disposti i ricoveri, si andrebbe a gravare sui pochi posti letto a disposizione delle rispettive unità operative di Medicina e Chirurgia».

«Chiediamo e ci appelliamo alla Direzione della Asl e all’Assessorato regionale alla sanità affinché il PS di Ozieri possa operare e riprendere le attività a pieno regime», concludono Cgil, Cisl e Uil. 

Leggi anche: Chiusura notturna del Pronto Soccorso, “Ozieri civica”: «Si autoconvochi d’urgenza il Comitato di Distretto»

Le altre notizie su Logudorolive.it