• 6 Dicembre 2022
  •  

Dal 18 ottobre a Sassari la mostra “Mediterranea. Carte. Isole. Confini.”

Manifesto Mostra Mediterranea
Fino al 10 novembre in esposizione alla Biblioteca universitaria le preziose mappe del “mare nostrum”.

SASSARI. Anche la celebre Carta nautica del Mediterraneo, manoscritto miniato cinque-seicentesco, sarà esposta al pubblico alla mostra “Mediterranea. Carte. Isole. Confini.”, dal 18 ottobre al 10 novembre alla Biblioteca universitaria di Sassari, inserita nel programma del Festival Mediterranea.

L’evento, curato dall’Associazione Editori Sardi d’intesa con la Biblioteca universitaria di Sassari e in collaborazione con l’Università “L’Orientale” di Napoli, consentirà di apprezzare da vicino il prezioso fondo cartografico della stessa Biblioteca, arricchito da alcuni pregevoli pezzi di collezioni private.

La mostra declina il tema di Mediterranea – il “mare nostrum” inteso come ponte tra genti, tradizioni, letterature differenti – attraverso le antiche mappe, spesso vere e proprie opere d’arte, realizzate dal XV secolo in poi: dalla riscoperta della geografia tolemaica da parte del monaco Maximus Planudes, tradotta in latino nel 1406 da Jacopo Angelo di Scarperia, ai nuovi metodi di proiezione del XVI secolo delle due maggiori scuole, quella olandese e quella italiana, con la produzione degli atlanti di Abramo Ortelio (1570) e di Gerardo Kremer detto Mercatore (1595), di Giacomo Gastaldi (1561) e Giovanni Antonio Magini (1620).

Grazia Niedda 1

Accompagna il percorso una rassegna delle bellissime riproduzioni di alcuni manoscritti miniati su pergamena provenienti dai fondi della Bibliothèque nationale de France, che consente di “navigare” attorno alla produzione cartografica sul Mediterraneo: dall’Atlante catalano, realizzato intorno al 1375, alla “Carta del Mare Mediterraneo” attribuita a François Ollive, del 1662, a una veduta particolare della Sardegna e di alcune isole fuori confini tratte dalla seicentesca Description des côtes et des îles de la Médiiterranée fino all’opera Secrets de l’histoire naturelle (1480-1485).

La mostra sarà inaugurata martedì 18 ottobre alle 17,30 da una tavola rotonda cui parteciperanno la presidente dell’AES Simonetta Castia (“Mediterranea. Carte. Isole. Confini.), il direttore della Biblioteca Giovanni Fiori (“Il fondo cartografico della Biblioteca universitaria di Sassari), la docente di Letteratura italiana dell’Università “L’Orientale” di Napoli Roberta Morosini (“Isole mobili. Cartografie letterarie. Note tra Medioevo e Rinascimento”) e lo storico Antonello Mattone (“Cenni sulla cartografia nautica della Sardegna”).

Durante l’incontro si parlerà, in particolare, della visione delle isole, racchiuse dal Mediterraneo, luogo dai contorni indefiniti che le abbraccia e racchiude, sublimate in letteratura e nell’arte, in terre di volta in volta “solitarie, silenziose, assetate, nude, deserte, sconosciute, incantate, talvolta fortunate o beate”.

Il festival letterario Mediterranea. Culture, scambi, passaggi è un appuntamento dedicato alla vasta dimensione, letteraria e culturale, del Mediterraneo. La rassegna – realizzata con il patrocinio e il sostegno di Regione Sardegna, Comune di Alghero e Fondazione di Sardegna – è tornata per il secondo anno nello scorso luglio all’ex Mercato civico con presentazioni, incontri con gli autori, mostre, reading e concerti legati insieme dal filo rosso della diversità letteraria e della mediterraneità.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Mamma in Sardegna