• 21 Luglio 2024
  •  

Febbre del Nilo, come ridurre il rischio di contagio sull’uomo e sui cavalli

Aou di Sassari Giornata mondiale delle Zanzare
In una nota il Dipartimento One Health della Prevenzione dell’Asl Gallura ricorda ai cittadini e agli allevatori le misure da adottare per ridurre le probabilità di contrarre il virus.

OLBIA. In seguito al primo caso di contagio umano di Febbre del Nilo avvenuto nei giorni scorsi a Olbia e dopo aver riscontrato la presenza del virus in un volatile, l’Asl Gallura ricorda le misure da adottare per ridurre il rischio di trasmissione negli esseri umani e per bloccare la possibile diffusione negli allevamenti equini.

«La famiglia di Arbovirus – spiega nella nota l’Asl – determina diverse malattie fra le quali appunto la West Nile Disease, caratterizzate da manifestazioni cliniche che variano da quadri similinfluenzali con interessamento gastroenterico a forme neuro invasive con quadri di encefalopatie, meningoencefaliti, poliradiconeuriti. Le persone a rischio sono in particolare gli anziani e i soggetti immunodepressi».

Il virus viene trasmesso esclusivamente attraverso il vettore rappresentato dalla zanzara culex pipiens. Per questo motivo il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl Gallura per evitare le punture di questi insetti ricorda di «applicare sulla pelle il repellente per insetti in luoghi aperti, indossare indumenti di colore chiaro che coprano il corpo il più possibile, utilizzare zanzariere, vaporizzare spray a base di piretro o di altri insetticidi ad uso domestico oppure utilizzare diffusori di insetticida elettrici, evitare la proliferazione delle zanzare eliminando le piccole raccolte d’acqua o gli oggetti che possano trattenerla, come sottovasi, ciotole degli animali da compagnia, ristagni umidi nei tombini o nei pozzetti».

Il virus normalmente circola tra gli uccelli selvatici e può contagiare anche quelli stanziali. Gli insetti vettori possono trasmetterlo non solo all’uomo, ma anche ai cavalli: per questo il Servizio di Sanità animale e Anagrafi Zootecniche della Asl Gallura nei giorni scorsi ha inviato a oltre mille aziende di allevamento galluresi, tramite il sistema SMS Alert, un messaggio per raccomandare la vaccinazione dei cavalli e l’uso di insetto-repellenti per proteggere gli animali.

Gli insetti agiscono prevalentemente dal tramonto all’alba. Le zone a maggior rischio sono le zone costiere e le zone umide in prossimità dei corsi d’acqua o dei laghi. L’Asl ricorda infine che la «Regione Sardegna è considerata zona endemica e ad alto rischio per il virus West Nile e che ogni anno, a partire dal mese di giugno, è necessario adottare tutte le misure di prevenzione».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.