• 17 Giugno 2024
  •  

Ippodromo di Chilivani: Dubainulese vince dopo lunga assenza. 1^ vittoria per Fiorida de Bonorva

Chilivani Fiorida de Bonorva
Bene in questa ottava giornata di corse anche Fabiana Junior e Brigadore. Ricordato il fantino Angelo Godani, venuto a mancare ieri dopo grave malattia.

CHILIVANI | 25 maggio 2024. Sotto un cielo nuvoloso ma con clima piacevole, si è svolta ieri pomeriggio all’Ippodromo di Chilivani l’ottava giornata della riunione primaverile cui ha assistito un discreto pubblico. Alla prima corsa la condizionata Palmerio Agus, che ricorda un fantino di classe originario di Ghilarza che ha esercitato anche a Chilivani, per cavalli p.s.i. di tre anni. Il duo della San Giuliano Barbie-Denaga de l’Alguer controlla la corsa con la prima che conduce sino alla dirittura. A questo punto entrava in azione Denaga de l’Alguer (Sc. S. Giuliano – L. Chessa – N.Murru) scattando decisamente e isolandosi (6 lunghezze) davanti a Barbie, Pedra Ogada e Orion Star.

Nel Premio Cantine Puddu Oliena, l’avversario più temibile della favorita Fabiana Junior era dichiaratamente Fire de Aighenta che però è stato ritirato. Pertanto l’allieva di Costantino Calaresu, allenata da S. Muroni e affidata al fantino italo-marocchino A. El Rherras, non ha dovuto faticare più di tanto per aggiudicarsi il terzo successo in carriera, galoppando allo steccato e scattando solo nel tratto finale per lasciare la generosa Falena baia a 14 lunghezze, davanti a Faraone de Nule e Fionda.

Controllo visivo

Era attesa la Maiden per anglo arabi S. Antioco di Bisarcio, per una verifica dei veri valori in campo. Faccibellu scattava al comando tallonato da Fox Moon e proseguiva sino all’ingresso in dirittura quando Fleming tentava di agganciarlo, ma a centro pista si faceva luce Fiorida de Bonorva (G.M. Carboni – M. Marras – G. Angius) che insisteva nella sua progressione e la spuntava di una buona lunghezza su Fleming, Faccibellu e Fox Moon.

Nell’intervallo fra la terza e la quarta corsa la Soc. Prometeo ha dedicato un commosso addio al fantino Angelo Godani, venuto a mancare ieri dopo grave malattia. È stato osservato un minuto di raccoglimento al tondino da tutti i fantini, commissari e allenatori schierati. Al termine uno scrosciante applauso da parte del pubblico ha voluto rendere omaggio al popolare e stimato “Angioletto”.

Il rientro dei puro sangue arabi anziani che da tempo erano lontani dalle piste è stato positivo per almeno due dei soggetti segnalati in corso di presentazione del convegno. Infatti nel Premio Beata Vergine del Rimedio, come previsto, è andato a condurre El Professor Totto seguito da Eterna de Zamaglia, ma all’ultima piegata Dubainulese (Antonio E. Pinna proprietario e allenatore) che era rimasto all’attesa nelle mani di Lello Fadda, rompeva gli indugi passando al comando e scattando ancora nel tratto finale, lasciando Divino a tre lunghezze. Terzo e quarto Zefiro di Chia e Daneh di Gallura.

Maria Foddai

Il Memorial Pietro Brocca, ha riservato una imprevedibile sorpresa messa in atto dal Gentleman Daniele Zucca che scappava subito al comando su Gribu de l’Alguer (Sc. S. Giuliano – L. Chessa) imprimendo ritmo sostenuto che logorava gli inseguitori fra i quali tentava inutilmente l’aggancio Sonniende che però non andava oltre il secondo posto davanti a Land of Giant e Gerilda.

Infine il Memorial Guido e Giuseppe Bonsignore per cavalli anglo arabi a fondo inglese è stato appannaggio, come ampiamente previsto, di Brigadore (L. Pes – S. Muroni – A. El Rherras) che ha imposto la sua andatura, respingendo con ulteriore ripartenza gli attacchi di Faggio e Fantastic Day, finiti nell’ordine. Quarto Fosté.

Diego Satta

In copertina: l’arrivo di Fiorida de Bonorva con G. Angius nel Premio S. Antioco di Bisarcio (foto D. Satta)

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.