• 24 Aprile 2024
  •  

“Limba de vida”, al via tra Coros e Anglona il progetto dell’Istituto Bellieni

Limba de vida
Nell’iniziativa coinvolti i comuni di Ossi, Uri, Laerru, Martis, Ploaghe e Usini.

OSSI | 16 febbraio 2024. La valorizzazione della lingua e della cultura sarda è ancora una volta al centro delle attività dell’Istituto Camillo Bellieni di Sassari che, a partire da febbraio e fino al mese di novembre, coinvolgerà sei comuni del Nord Sardegna, tra Coros e Anglona, nel progetto “Limba de vida”, per sensibilizzare in particolar modo i più giovani attraverso confronti intergenerazionali. Tantissime le iniziative in programma a Ossi, comune capofila, sotto il coordinamento dell’operatrice Adriana Cocco, poi a Uri con Anna Laura Pirisi, a Laerru, Martis, Ploaghe e Usini con Francesca Sini. Tutte le attività saranno a titolo gratuito.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Ossi, Pasquale Lubinu: «Con questo importante progetto proposto dall’Istituto Bellieni continuiamo a lavorare per valorizzare la nostra lingua, la nostra cultura e la nostra storia. Siamo orgogliosi di fare rete con altre amministrazioni per portare avanti iniziative a sostegno dei valori che caratterizzano e rendono unico il territorio».

Palazzo baronale Ossi
Ossi: il palazzo baronale, sede del museo etnografico comunale

Sportello e consulenza saranno aperti al pubblico per la traduzione di materiali personali, e saranno attivate azioni di consulenza per gli enti locali, sia riguardo alla traduzione che alla realizzazione di articoli e altri materiali in lingua sarda mediante i quali diffondere, promuovere e dare visibilità al territorio. Tra questi figurano brochure informative, calendari e segnaletica. Saranno distribuite mappe concettuali sulle regole ortografiche.

In sinergia con le biblioteche, le ludoteche, le scuole e le associazioni, saranno create occasioni di scambio intergenerazionale per la valorizzazione e la tutela non solo della parlata locale, ma anche delle tradizioni, con la realizzazione di piccoli laboratori che coinvolgeranno bambini, genitori e anziani. Tra racconti di storie e leggende saranno inoltre rese complici le case di riposo e, tra laboratori didattici per apprendere giocando la produzione di formaggio, pane e pasta, faranno il loro ingresso nel progetto anche le diverse attività lavorative.

È in calendario la realizzazione di due corsi di lingua e cultura sarda. Tra le novità, una figura specializzata condurrà un Laboratorio di educazione emozionale dedicato in prima sessione ai bambini dai sei agli otto anni, e in seconda sessione agli adolescenti. Per la fascia d’età dai 9 agli 11 anni sarà possibile frequentare un Laboratorio di educazione al Movimento, nel quale ai ragazzi saranno presentati i movimenti secondo la nomenclatura sarda proposta dal docente, per memorizzarli in modo divertente.

Infine, attraverso il Concorso “Sa bidda cun sos ojos mios”, chiunque vorrà potrà esporre delle installazioni create con materiali naturali provenienti dal proprio territorio. Tutte le attività laboratoriali saranno documentate attraverso la realizzazione di videoclip amatoriali realizzati da ragazzi tra i 12 e i 18 anni sotto la guida di un esperto. Per informazioni scrivere a susarduestintotue@gmail.com o consultare la pagina Facebook “Limba de vida”.

L’attività è finanziata dalla Regione Autonoma della Sardegna con i fondi della L. 482/99.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.