• 27 Maggio 2024
  •  

Ozieri, al via la rassegna “Marzo delle donne”: il programma

Marzo delle Donne Ozieri
Previsti momenti di riflessione, condivisioni di esperienze, proposte musicali, teatrali ed editoriali. Domani, 1° marzo, il primo appuntamento al “Fallaci”. La rassegna si concluderà venerdì 31 marzo con la commemorazione di Romina Meloni, l’ozierese di 49 anni uccisa nel 2019 dall’ex compagno.

Ritorna a Ozieri con la sua 10^ edizione “Marzo delle donne”, la manifestazione promossa dall’Assessorato alla Cultura e dall’Istituzione San Michele che prevede un nutrito programma di eventi dedicati alla donna patrocinati anche dalla Camera di Commercio di Sassari. Proposte che spaziano dalla musica al teatro, a momenti di riflessione e condivisione di esperienze, alle celebrazione di grandi figure femminili.

Si inizia domani, 1° marzo, alle ore 21 al teatro civico “Oriana Fallaci” con lo spettacolo della stagione Cedac “Donne guerriere” con Ginevra Di Marco e Gaia Nanni. Un mix di musica e parole per rendere omaggio alle “donne guerriere” del nostro tempo. Vere combattenti che, con le loro scelte e la loro stessa vita, sono diventate pagine autentiche e indelebili della nostra memoria.

Mercoledì 8 marzo, festa della donna, alle ore 18.30 nei locali della Pinacoteca “G. Altana” si terrà invece il concerto “Dedica alle Donne”, a cura dell’Associazione culturale Sandalia.

Mamma in Sardegna

Venerdì 10 marzo, il primo dei tre appuntamenti di “Svelatamente Donne” dedicati alla discriminazione di genere e alle lotte per i diritti delle donne nei paesi islamici. Alle ore 18.30 la Pinacoteca “G. Altana” ospiterà Farian Sabahi, docente universitaria, giornalista e scrittrice iraniana, impegnata sul fronte dei diritti civili per il suo Paese e per tutto il Medio Oriente. Autrice del libro “Noi donne di Teheran”. A conclusione l’esibizione di Isabella Farina della New DanceAcademy Ozieri, vincitrice del concorso d’Italia 2023 nello Show Dance.

“Svelatamente Donne” prosegue sabato 11 marzo per le vie del centro storico. Alle ore 10.30 prenderà il via un Flash Mob che darà voce allo spirito di libertà delle donne islamiche, raccontandone, attraverso gesti e parole la condizione di vita e le prospettive di rivalsa. l’iniziativa è organizzata grazie alla partecipazione dell’Associazione Culturale Inoghe Cultura e del Centro Commerciale Naturale Ozieri Wiva. Saranno invitati a partecipare gli studenti delle scuole superiori di Ozieri. Al termine sarà svelata un’opera pittorica di Street art di Saza e consegna al Centro Antiviolenza Spazio Donna del Centro Lares.

L’ultimo incontro sarà martedì 14 marzo nella Pinacoteca “Altana” alle ore 18 con Natali Shaheen, ragazza palestinese giocatrice della squadra della Athena Sassari Calcio a 5 e autrice del libro “Un calcio ai pregiudizi. Dalla Palestina alla Sardegna dribblando ogni ostacolo”.

Il libro parla di calcio femminile, di ostacoli, di difficoltà, di gioia di una vita in cammino e degli incroci fra calciatrici italiane e palestinesi, in una sorta di incontro confronto e di crescita comune. È il racconto delle esperienze di vita dell’autrice, calciatrice della nazionale palestinese che attualmente vive e lavora a Sassari e continua a rincorrere la sua passione per il calcio giocando nell’Athena Sassari di calcio a 5 e allenando gli esordienti dell’Accademia Latte Dolce. L’opera parla anche della sua amata terra, la Palestina, e delle difficoltà che comporta essere donne in questa parte del mondo stretta tra il conflitto israelo-palestinese e la chiusura della società. L’evento è organizzato in collaborazione con l’associazione sarda “Ponti non Muri” che cerca di avvicinare la realtà palestinese alla nostra attraverso linguaggi universali come la musica, la cultura, lo sport con la finalità di creare un ponte tra la Sardegna e la Palestina.

Domenica 12 marzo appuntamento teatrale al “Fallaci”, dove alle ore 18.30 andrà in scena la commedia “Berrittedda Ruja… e cumpagnia bella” della Compagnia delle Donne, con la regia di Daniele Coni e Laura Calvia della Compagnia teatrale Boboscianel. Al termine dello spettacolo, insieme alle operatrici di Spazio Donna del Centro Lares, ci sarà un momento di confronto e riflessione su come è cambiato il ruolo della donna e sulla necessità di combattere gli stereotipi di genere che molto spesso portano alla violenza.

Sabato 25 marzo lo scrittore Bachisio Bandinu presenterà alle ore 18 nella sala conferenze del Centro Culturale San Francesco il suo libro “Femina. Né fata né strega”. L’autore offrirà uno spunto di riflessione sui temi femminili e sulla questione “donna” all’interno della cultura tradizionale sarda fino a giungere ai mutamenti della condizione femminile attuale che spesso vede le donne vittime della violenza maschile, in una realtà ancor spesso dominata dal “codice patriarcale”, soprattutto nel controllo della sessualità femminile. A dialogare con l’autore Luana Farina, poetessa e attivista femminista dal 1975, portavoce di un movimento di donne colpite da malattie oncologiche che rivendica il  salute.

Venerdì 31 marzo, nel quartiere San Nicola prevista la commemorazione in onore di Romina Meloni, ozierese di 49 anni uccisa il 31 marzo del 2019 a Nuoro per mano del suo ex compagno.

Nel Museo archeologico “Alle Clarisse”, infine, da mercoledì 15 marzo a sabato 1° aprile sarà presente la mostra “Guardami Oltre” delle giovani artiste Martina Fiore e Giorgia Ladu.

Le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.