• 29 Novembre 2021
  •  

Sassari, la Corsa in Rosa inaugurata con il messaggio delle atlete medaglie d’oro a Tokyo 2020

Al taglio del nastro le autorità civili, militari e religiose e le donne dell’Arma.


SASSARI. Partenza da medaglia d’oro stamane per la decima edizione della Corsa in Rosa, la tre giorni dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne. Ad aprire la manifestazione il video messaggio di Antonella Palmisano Valentina Rodini, atlete delle Fiamme Gialle.

Palmisano marciatrice italiana è campionessa olimpica della 20 km a Tokyo 2020 e ha posto l’accento: “appoggio la Corsa in Rosa perché le donne hanno il diritto di gestire la propria vita – dice l’atleta medagliata – condivido il fatto che attraverso questi eventi si possa dare voce a questo problema, unite tutte insieme facciamo capire alle donne che vivono queste problematiche che non sono sole, spero – conclude Palmisano – che la mia esperienza possa aiutare a far che dobbiamo essere protagoniste della nostra vita”.

Rodini è oro olimpico a Tokyo 2020, ha conquistato il gradino più alto del podio nel doppio pesi leggeri donne di canottaggio: “sostengo la causa della lotta alla violenza sulle donne che porta avanti la Corsa in Rosa – afferma l’atleta reduce di successi olimpionici – e sono qui per dirvi che insieme ce la possiamo fare”. La tre giorni, che attraverso i valori dello sport promuove la sensibilizzazione sulla difesa dei diritti delle donne, ha voluto aprire con i messaggi delle campionesse olimpioniche come emblema dei valori che sostiene.

Mamma in Sardegna

Alla cerimonia d’inaugurazione hanno preso parte, insieme al presidente Luca SannaMaria Luisa D’Alessandro, prefetto di Sassari, Rosanna Arru, assessora ai Lavori pubblici, Manutenzioni, Gestione del Patrimonio e Strutture sportive del Comune di Sassari in rappresentanza dell’Amministrazione cittadina, Mons. Gian Franco Saba, Arcivescovo della Diocesi di Sassari. Sul palco anche le donne dell’arma, con alcune rappresentanti della Brigata Sassari e dei corpi di Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia Locale.

In piazza d’Italia la mattina è proseguita con la partecipazione della calciatrici della Torres Femminile che hanno incontrato le scolaresche delle primarie di alcuni istituti cittadini per un momento ludico.

La prima giornata si concluderà con la Notte Rosa. La serata, con inizio alle 20.30, è un vero e proprio gala musicale. Le voci femminili, tra le più note del panorama sardo, si alterneranno sul palco per dare vita ad un messaggio in musica di deciso ‘No’ alla violenza contro le donne. Maria Luisa Congiu, Laura Spano, Lucia Budroni, Francesca Lai, Laura Santucciu sono solo alcuni dei nomi che animeranno la serata presentata da Giuliano Marongiu.

La manifestazione è finanziata dall’assessorato regionale al Turismo, è inserita nel calendario di eventi ‘Sardegna isola dello sport’ egode del patrocinio del Comune di Sassari. Corrono accanto alla Corsa in Rosa Fondazione di Sardegna, Uisp Sassari e Atp Sassari.

Leggi anche: SASSARI. CORSA IN ROSA 2021, AL VIA LA 3 GIORNI CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Ottica Muscas