• 23 Febbraio 2024
  •  

Giornata di studio ad Alghero sul trattamento del dolore acuto e cronico

ECM medici Alghero
Presentate le relazioni di Laura Demartini e di Cesare Bonezzi dell’Istituto Maugeri di Pavia. Il corso di aggiornamento è stato organizzato dall’Ordine dei Medici di Sassari.

ALGHERO. «Il dolore è influenzato da numerose varianti, di genere, biologici e psicologici, dunque per il trattamento terapeutico occorre studiare i meccanismi che lo generano indipendentemente dalla malattia». Lo ha affermato Cesare Bonezzi, consulente del centro terapia del dolore di Pavia, in apertura del corso di aggiornamento svolto nei giorni scorsi ad Alghero e organizzato dall’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Sassari. L’Ecm “Fisiopatologia, percorso diagnostico e terapia del dolore cronico” è stato presentato da Giancarlo Bazzoni.

La giornata di studio incentrata sulle relazioni di Laura Demartini e di Cesare Bonezzi dell’Istituto Maugeri di Pavia è valsa 4 crediti formativi ai partecipanti.

Demartini e Bonezzi
Laura Demartini e Cesare Bonezzi

«La cultura della terapia del dolore – ha detto Demartini – deve partire dalla formazione di base, occorre un percorso specifico di studi che attualmente non esiste. La terapia del dolore non è insegnata a livello universitario, se non in fisiologia. Il dolore – ha continuato – si può curare in presenza della malattia, perché è una patologia a parte».

«Sussistono dolori diversi in malattie uguali e dolori uguali in malattie diverse», ha precisato Cesare Bonezzi sottolineando che occorre «studiare il dolore attraverso meccanismi fisiopatologici che lo generano, indipendentemente dalla malattia. Bisogna indagare – ha proseguito Bonezzi – quali parti anatomiche lo generano e soprattutto se si è in presenza di un fenomeno infiammatorio o meccanico, arrivando così a definire la terapia più indicata». In definitiva, secondo i due relatori Dematini e Bonezzi, «non esiste il dolore cronico, perché sarebbe incurabile, esiste la malattia cronica, che conduce a un dolore da trattare con l’appropriatezza terapeutica».

Anche in Sardegna sono presenti i centri di terapia del dolore nell’Aou di Sassari, al Mater di Olbia, Macomer e a Cagliari. «Trattare il dolore – ha concluso Giancarlo Bazzoni – è l’aspetto fondamentale della nostra professione medica, ma non si può ridurre alla descrizione, spesso inesatta del paziente, deve essere indagato e curato con visite, esami e prescrizioni mirate». 

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.