• 19 Maggio 2024
  •  

Ippodromo di Chilivani: il Criterium vola a Roma, il Gran Premio sardo vinto da Eretica rimane invece in Sardegna

Ippodromo Chilivani Eretica G. Sanna
Festival del turismo itinerante

CHILIVANI | sabato 30 settembre. Pubblico delle grandi occasioni per non perdere l’ultima giornata della riunione estiva-autunnale di Chilivani in un pomeriggio piuttosto caldo ma, a tratti, nuvoloso. Corse interessanti nelle quali non sono mancate le sorprese. Il 48° Criterium sardo se ne vola a Roma sotto l’ala del suo allenatore Paolo Aragoni, originario di Ozieri, già apprezzato fantino e ora allenatore alle Capannelle. Il suo allievo Apollo Theatre ha messo in scena un “coup de theatre” basato sulla sua maggiore classe. La corsa era iniziata con Alterego che andava a condurre, rilevato, a metà della dirittura opposta, da Vento da Sud che rompeva gli indugi e sembrava poter dominare gli avversari. Ma all’imbocco della dirittura il suo scatto è stato subito contrastato da Apollo Theatre (L. Ginobbi Srl-P. Aragoni-C. Fiocchi) che lo ha superato e distanziato di due lunghezze e mezza. Terza Denaga de l’Alguer, quarto Sue Gurumuru. Paolo Aragoni, dopo aver vinto il Criterium dell’anno 2000 in sella a Renaredda, può adesso fregiarsi della vittoria come allenatore.

Nel Gran Premio sardo si temeva Selvaggio da Clodia, già vincitore in primavera a Chilivani e dunque il pubblico di appassionati attendeva con trepidazione lo svolgimento di questa corsa. Extreme Fun Game si incaricava di imporre ritmo abbastanza sostenuto per quasi metà percorso quando si è verificato un imponderabile colpo di scena: proprio il favorito Selvaggio da Clodia, che viaggiava di rincalzo ai battistrada in attesa di sferrare il suo attacco, all’inizio dell’ultima piegata, disarcionava il suo fantino Germano Marcelli e, a quel punto, le linee locali se la giocavano tra loro. Emilia di Montalbo era la prima a scattare all’imbocco in dirittura subito tallonata da Eretica (G. Piero Logias-A.Cottu) che veniva sollecitata dal suo fantino Gavino Sanna per una progressione che alla fine ha avuto ragione di Emilia di Montalbo. Per il terzo posto rinveniva bene El Riu Riu mentre Eroe de Bonorva era soltanto quarto. Il colpo di scena scompigliava la maggior parte degli scommettitori che andavano in bianco, mentre i fortunati festeggiavano la quota del vincente a 14/1 e la Trio da 736,40 €.

Molto seguito e atteso anche il 23° Omnium dell’anglo arabo che, dopo la fuga in avanti di Bolliri, viveva sul previsto duello fra Carakas Girl e Carmelino che hanno infiammato le tribune lottando fin sul palo. Quando sembrava che Carakas Girl l’avesse già in mano, l’indomito Carmelino (A. Giuseppe Milia-G. Accorrà), sospinto dal giovane D. Cirocca, riusciva a piegare l’avversaria. Terzo Bolliri, quarto Drakaris.

Interessanti e combattute anche le altre corse che avevano preso il via con il Premio Antonio e Giovannino Peralta per puro sangue di due anni, 1200 metri. Scappava subito al comando Divina de l’Alguer accumulando vantaggio, inseguita alla dirittura prima da Ewentamente e poi da Baja Sunaiola (M. Fresi-G. Accorrà-A. Deias) che piazzava un irresistibile spunto vincente infliggendo quattro abbondanti lunghezze ad Ewentamente e oltre due a Sedream. Quarta Esperanza.

Il Premio Giovanni Chessa ha visto in evidenza Eva de Thiesi e poi Entu de Eranu che assumeva il comando e conduceva sino a metà dirittura quando cedeva, sotto l’attacco di Elena Queen (G. Multinu-A. Cottu-G. Sanna) che bissava così la vittoria di domenica scorsa. A seguire Eden ed Entu de Eranu.

Avvincente anche il Memorial Luigi Zappareddu per purosangue di tre anni ed oltre sulla distanza dei 1800 metri. Gribu de l’Alguer scattava a condurre e manteneva il comando sino all’ingresso in dirittura quando veniva attaccato da Jllary e Scatola Chiusa (G. Tanca-S. Muroni-A. El Rherras) che lottavano fin sul palo e alla fine è stata quest’ultima a prevalere per una testa. Oserei dire strabiliante lo scatto in progressione con cui Efisio (Paolo M. Cau-L. Cottu-N. Murru) ha letteralmente “bevuto” Elody de Thiesi che aveva comandato la corsa sino all’imbocco della dirittura quando si apprestava a produrre lo scatto finale. Efisio inscenava un vero e proprio volo che concludeva con ben undici lunghezze di distacco sulla rivale. Terza Emozione de Florinas, quarta Epidemia. Da sottolineare le due vittorie ottenute dai trainer Antonio Cottu e Giulia Accorrà, due successi anche per Gavino Sanna che tornava a Chilivani dopo parecchio tempo.

Diego Satta

In copertina: il team di Eretica festeggia il successo nel Gran Premio sardo.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.