• 7 Febbraio 2023
  •  

Ozieri. Celebrata all’Istituto “Segni” la “Notte del Liceo Classico”

Notte del liceo Classico Ozieri
La serata del 20 dicembre si è sviluppata attorno a rappresentazioni creative, letture rivisitate e narrazioni di miti, che hanno visto come principali protagonisti i ragazzi e le ragazze delle quattro classi liceali.

OZIERI. Martedì 20 dicembre nei locali dell’Istituto d’Istruzione Superiore “A. Segni” di Ozieri si è svolta la nona edizione di “Notte del Liceo Classico”, manifestazione con cui si celebrano i valori imperituri e mai fuori moda della classicità. Come sottolineato nel saluto di benvenuto indirizzato al folto pubblico dal dirigente scolastico, prof. Andrea Nieddu, tale corso di studi è da sempre uno scrigno di cultura classica, che per decenni ha formato generazioni di liceali di tutto il territorio. Esso è parte integrante dell’Istituto “Antonio Segni”, polo liceale di riferimento per il Logudoro, il Monte Acuto e il Goceano.

Nel precisare che la Notte del Liceo Classico di Ozieri è stata programmata con qualche mese di anticipo rispetto alla manifestazione nazionale, che si terrà nel mese di maggio, il Dirigente si è complimentato con tutti gli studenti delle classi del Liceo, che si sono impegnati su più fronti, e con i docenti, che li hanno accompagnati con passione, dedizione, attenzione e cura in ogni momento della preparazione della serata, per riscoprire le radici profonde della propria identità.

Ozieri Notte del Liceo Classico

La serata si è sviluppata attorno a rappresentazioni creative, letture rivisitate e narrazioni di miti, che hanno visto come principali protagonisti proprio i ragazzi delle quattro classi liceali che hanno speso lunghe e faticose settimane alla realizzazione dell’evento. Momenti di riflessione matura e partecipe su temi di attualità si sono alternati a rivisitazioni creative e divertenti, il cui terreno comune è stato lo stretto rapporto tra la cultura classica e la modernità.

Le parole forti e decise del medico-scrittore Vincenzo Carrozza contro le mafie e contro la guerra, la meditazione sulla condizione femminile di ieri e di oggi a partire dalla Medea di Euripide, il monologo sulla felicità attraverso le parole di Epicuro nella lettera a Meneceo e il processo intentato dal Minotauro al padre Minosse a difesa della diversità hanno fatto da cornice alle divertenti creazioni giocate sui miti: da Eco e Narciso in salsa social alle numerose divinità olimpiche ritratte con ironia nello scanzonato “TG dell’Olimpo” o presentate  nella passerella tra il pubblico come in una sfilata da festival cinematografico. E ancora, la divertita riproposizione di programmi ben noti della TV come il “Ciao Darwin” e il “Rischiatutto”, che ha chiuso la serata dopo il momento conviviale, caratterizzato da assaggi su ricette del mondo classico – e non solo – e da scatti fotografici in “quadretti” a tema.

A testimoniare, infine, il legame della scuola con il territorio è stata la premiazione degli studenti delle terze medie che con disegni e testi narrativi hanno preso parte al concorso incentrato sul mito di Medusa, presentato dai docenti dell’indirizzo classico nel corso delle settimane precedenti durante le attività di orientamento nelle stesse classi.

Notte del liceo Classico Ozieri sindaco e dirigente

Il Dirigente ha ringraziato per l’impegno e l’organizzazione i docenti dell’indirizzo Ilaria Moretti, Giovanna Arcadu, Cristina Calaresu, Francesco Pala e tutti coloro che, a vario titolo, hanno collaborato all’evento svolgendo una parte importante nel preparare l’ormai tradizionale evento: docenti e personale ATA dell’intera comunità scolastica, genitori e famiglie degli studenti, enti del territorio che hanno offerto il loro prezioso contributo.

Il prof. Nieddu ha ringraziato, infine, oltre la referente dell’indirizzo, la professoressa Daniela Colomo, il sindaco della città Marco Peralta, il quale ha voluto omaggiare la manifestazione con la sua presenza. Ma soprattutto il ringraziamento più caloroso è andato a tutti i ragazzi del Liceo Classico, senza i quali non sarebbe stato possibile ricreare, anche per l’anno in corso, la magica e coinvolgente atmosfera della “Notte del Liceo Classico”.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Mamma in Sardegna