• 2 Marzo 2024
  •  

“Sa poesia banaresa”. Il 10 settembre a Banari il ricordo di Barore Sassu e gli onori ad Angelo Porcheddu

Banari Barore Sassu e Angelo Porcheddu
L’appuntamento è alle 18 nella piazzetta comunale di Largo Gramsci.

BANARI. Sa Poesia banaresa, ossia una serata per ricordare il poeta eterno Barore Sassu e, al tempo stesso, per onorare il poeta vivente Angelo Porcheddu. Domenica 10, Banari – tra rime, aneddoti e musica – partirà dalle proprie radici letterarie per un’iniziativa culturale che nasce da un’idea dell’amministrazione comunale e che si concretizza con il contributo dello sportello linguistico del Meilogu gestito dall’associazione Àndala noa.

Alle 18 si terrà infatti, con la collaborazione della Pro loco, una performance recitata e musicata con l’operatore linguistico Mauro Piredda e i musicisti Luciano Sezzi (sassofonista) e Andrea Fenu (pianista). I tre, che negli ultimi anni hanno messo in scena alcuni spettacoli in sardo sulla figura di Bertolt Brecht e su alcuni romanzi come S’Àrvore de sos tzinesos di Larentu Pusceddu, Il Messicano di Jack London e Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne, questa volta proporranno un’excursus recitato sui due grandi interpreti banaresi della pòiesis sarda.

Luciano Sezzi e Andrea Fenu

Sassu, 54 anni sui palchi, è conosciuto in tutta la Sardegna per le sue sfide con altri grandi dell’endecasillabo a bolu (su tutti Remundu Piras e Pepe Sozu) e per la sua caratteristica verve teatrale unita a un’alta capacità estemporanea di veicolare concetti di spessore. Porcheddu, con premi e riconoscimenti nei più rinomati concorsi isolani (da Ozieri a Posada) è uno tra i più grandi compositori de meledu insieme a Giuanne Fiore, Jubanne Piga e tanti altri maestri della letteratura in versi.

«L’evento – spiega il sindaco di Banari Francesco Basciu –, ha lo scopo di attivare percorsi e sensibilità culturali proprio partendo da chi ha lasciato una testimonianza orale e scritta in questo paese e in Sardegna attraverso l’uso creativo della lingua sarda. Chiunque associa Banari a “sa ‘idda de tiu Barore” per via delle sue gare in ogni angolo dell’isola. E chiunque, nel mondo della poesia a taulinu, riconosce a Porcheddu le sue capacità di creare quadri di messaggi umani dove diverse sono le sfumature di colore, dai dubbi del tempo alle speranze dei singoli e delle comunità».

L’appuntamento è nella piazzetta comunale di Largo Gramsci, piccola agorà civica nei pressi del municipio, meglio conosciuta come Sa Pramma per via della storica pianta che alta svetta nel centro storico del piccolo paese del Meilogu.

Su 10 de cabudanni in Bànari ammentende a Barore Sassu e dende ondras a Ànghelu Porcheddu

Sa Poesia banaresa, est a nàrrere unu sero pro ammentare a su poeta eternu Barore Sassu e fintzas pro dare ondras a su poeta vivente Àngelu Porcheddu. Domìniga su 10, Bànari (intre rimas, contos e mùsica) at a mòvere dae sas raighinas literàrias suas proponende una faina culturale chi naschet dae un’idea de s’amministratzione comunale e chi benit a bonu cun s’agiudu de s’isportellu linguìsticu de su Meilogu gestidu dae s’assòtziu Àndala noa. Pro sas 6 de sero est difatis in programma, cun sa collaboratzione de sa Pro loco, un’esecutzione resada e musicada cun s’operadore linguìsticu Mauro Piredda e sos musitzistas Luciano Sezzi (sassofonista) e Andrea Fenu (pianista). Sos tres, chi sos ùrtimos annos ant propostu unos cantos ispetàculos in sardu movende dae sa figura de Bertolt Brecht e dae carchi romanzu comente S’Àrvore de sos tzinesos de Larentu Pusceddu, The Mexican de Jack London e Vingt mille lieues sous les mers de Jules Verne, custa bia bi l’aconcant cun un’allega resada intre sos versos de custos duos banaresos, intèrpretes mannos de sa pòiesis sarda. Sassu, 54 annos cantende in palcu, lu connoschent in totu sa Sardigna pro sas garas suas in pare cun àteros frailàrgios de s’endecasìllabu a bolu (comintzende dae Remundu Piras e Pepe Sozu) e pro su tràgiu teatrale suo unidu a una capatzidade arta de improvisare cuntzetos cumpridos. Porcheddu, cun prèmios e reconnoschimentos in sos cuncursos prus de importu de s’ìsula (dae Otieri a Pasada) est unu intre sos prus cumponidores mannos de meledu in pare cun Giuanne Fiore, Jubanne Piga e àteros maistros de sa literadura in versos. In sos faeddos de su sìndigu Francesco Basciu, «s’eventu punnat a printzipiare caminos e sensibilidades culturales pròpiu movende dae chie at lassadu un’istiga orale e iscrita in bidda e in totu sa Sardigna pro mèdiu de s’impreu creativu de sa limba sarda. Chie si siat pensat a Bànari che a “sa ‘idda de tiu Barore”. E chie si siat, in su mundu de sa poesia a taulinu, bidet in Porcheddu capatzidades mannas de pintare iscenas de messàgios umanos cun isfumaduras diferentes de colores, dae sas dudas de su tempus a sas isperas de sas persones e de sas comunidades». S’apuntamentu est in sa pratzita comunale de Largu Gramsci, agorà tzìvica in tretos de Sa Pramma chi regnat arta in su coro de sa bidda de su Meilogu.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.