• 22 Aprile 2024
  •  

Borutta. 73^ giornata del Ringraziamento, a San Pietro di Sorres riuniti agricoltori e allevatori

Coldiretti Giornata Ringraziamento S. Pietro Sorres Borutta
L’appuntamento rappresenta un momento di condivisione che Coldiretti Sardegna organizza annualmente con l’obiettivo di unire il mondo della campagna in una giornata di comunità.

BORUTTA. Un ringraziamento per la passata annata agraria, una preghiera di buon auspicio per la nuova e momento per meditare sui problemi quotidiani dei coltivatori e della società. Si è celebrata ieri 16 dicembre nella chiesa di San Pietro di Sorres a Borutta la giornata regionale del Ringraziamento con i vertici di Coldiretti Sardegna, numerose aziende socie e tanta gente comune. L’appuntamento, che si ripete da ben 73 anni, rappresenta un momento di condivisione che l’associazione organizza annualmente con l’obiettivo di unire il mondo della campagna in un momento di comunità. Durante la giornata, agricoltori e allevatori provenienti da tutta la Sardegna si sono riuniti per partecipare alla santa messa celebrata dall’arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba insieme a padre Luigi Tiana, don Mario Tanca, i monaci benedettini e i sacerdoti del Meilogu.

S. Pietro Sorres Borutta ringraziamneto coldiretti

Quest’anno è stato proposto il tema dello spirito cooperativo per promuovere l’agricoltura ed è stato incentrato sul messaggio della fraternità e della custodia della terra. «Dobbiamo trasformare una terra di rovi in un giardino e questo è un impegno per tutti», ha sottolineato l’arcivescovo Saba sottolineando come «ancora oggi ci sono tanti rovi fatti di ideologie e scelte sociali che non giovano alla crescita del creato. La cooperazione oggi diventa difficile ma dobbiamo lavorare per costruirla».

Per il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Coalbu «questa è stata un’annata particolare, passata tra alti e bassi, ma ringraziamo comunque per la campagna agraria trascorsa. Oggi abbiamo avuto una benedizione per quella che sta per iniziare, sperando che sia fatta di buoni auspici. Crediamo in questo momento di comunità per tutti gli agricoltori e allevatori che vogliono stare assieme, cooperare e trovare dignità per una retribuzione giusta per i propri prodotti».

Anche per il direttore regionale Coldiretti Luca Saba «quest’anno è stato contraddistinto da grandi sacrifici per le nostre aziende agricole sarde, in un momento difficile anche per il sistema politico che si sta rinnovando in Sardegna e per il futuro del paese. Ci auguriamo che i nostri auspici, che si sono uniti oggi con tutta la comunità di Coldiretti, possano essere propizi per un futuro roseo per tutti noi sardi».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.