• 18 Aprile 2021
  •  
Logudorolive

Piogge. Coldiretti Nord Sardegna: 800 ettari di carciofaie affogate nei campi

Coldiretti Nord Sardegna - carciofaia allagata

Secondo Coldiretti Nord Sardegna «sono circa 800 gli ettari allagati tra i Comuni di Valledoria e Santa Maria Coghinas con il rischio di danni per qualche milione di euro». È questa una prima stima fatta dall’ente dopo le abbondanti piogge di questi giorni che hanno messo in ginocchio gli agricoltori ed in particolare i produttori di carciofi che in questo momento sono nel pieno della produzione. «In un territorio – rimarca Coldiretti – tra l’altro vocato per una delle eccellenze di punta della nostra isola che ci vedono terzi produttori in Italia».

«Nonostante la tenuta dei canali – spiega Coldiretti –, la grossa quantità di acqua caduta in questi giorni, che va a sommarsi ad un autunno ed inizio inverno particolarmente piovoso, non hanno consentito ai terreni argillosi di far defluire l’acqua condannando i carciofi all’asfissia, oltre alle altre ortive che si trovano in questo momento in campo».

«Per questo – sottolinea il presidente di Coldiretti Nord Sardegna Battista Cualbu – ci associamo alla richiesta di calamità naturale arrivata dalla Giunta comunale di Santa Maria Coghinas guidata dal sindaco Pietro Carbini. I danni sono ingenti è stanno compromettendo il lavoro di una annata, soprattutto per i produttori di carciofi che in questo momento sono in piena produzione».

«Una calamità che arriva in una annata balorda condizionata dal Covid che ha compito particolarmente i carciofi – evidenzia il direttore di Coldiretti Nord Sardegna Ermanno Mazzetti –, prima a fine annata nel primo lockdown e adesso durante le festività natalizie. Le limitazioni per contenere il Covid hanno chiuso di fatto i principali canali commerciali dei carciofi determinandone il crollo del prezzo».