• 6 Giugno 2023
  •  

Ippodromo di Chilivani, De Tzaramonte vince alla sua maniera e rimane imbattuto

De Tzaramonte
Vittoria a tavolino per Elettra CPS nel Premio La Dea Madre Viaggi.

CHILIVANI. Terza giornata di corse sabato 29 aprile all’Ippodromo “Don Deodato Meloni” di Chilivani. In apertura di convegno il Premio La Dea Madre Viaggi, riservato ai purosangue arabo, ha visto la vittoria a tavolino di Elettra CPS a seguito della retrocessione del vincitore El Professor Toto. Quest’ultimo è scattato al comando sin dalla sgabbiata, conducendo a suo piacimento con buon margine sino a metà dirittura, quando subiva l’attacco di Elettra CPS che accelerava e dava l’impressione di poter lottare per la vittoria. Il battistrada però deviava dalla sua linea di corsa, interrompendo l’azione di Elettra CPS (P. Puddu – L. Cottu – M. Mattia) che veniva premiata dai Commissari con la retrocessione al secondo posto, del vincitore sul campo. Terzo Eolo di Chia, quarto Eldorado by Iapomi.

Alla seconda il Premio Giov. Vittorio e Andrea Mulas per puledri anglo arabi, veniva animato da E Tue ed Eruleddai tallonati da Esperance (D. Lampis – A. Cottu – M. Manca) che, nonostante abbia girato all’esterno, scattava prepotentemente alla dirittura risucchiando i due battistrada e riportando la vittoria con buon margine su Etue, Massimo Meridio ed Entu de Pedra Ulpu. Da notare che la vincitrice, pur essendo stata allevata in Sardegna, vanta una genealogia tutta francese, figlia di Carghese des Landes e Silice des Roches.

Essebi 2023

Ancora puledri anglo arabi nel Premio Ecosistems, controllato da Ebaciami (G. Moro proprietario e allenatore – F. Ezza) che ha corso all’avanguardia sin dalle prime battute, assumendo poi il comando alla piegata e scattando lungo la dirittura, mettendosi al riparo dalla notevole progressione di Ercoli che soffiava il secondo posto a Epidemia, quarto El riu riu.

Purosangue di tre anni nel Premio Cortal sulla distanza dei 1.800 metri. Guresi scappa subito al comando e conduce per buona parte del percorso. Subisce l’attacco di Matador (T. Mula – F. Brocca – M. Porcu) al termine della piegata e poi in dirittura i due cavalli si sfidano in un appassionante sprint che premia lo sfidante. Al terzo e quarto posto Ewentamente e Pleacedesaffaires.

Molto interessante il Premio Mesu ‘e Rios per gli anglo arabi anziani che vedeva l’atteso confronto fra Chopin e De Tzaramonte, quest’ultimo al rientro con qualche incognita sulla sua effettiva preparazione. Era in palio la sua imbattibilità: ebbene il figlio dello stallone francese Ragtime Pontadour non ha tradito le attese. È subito scattato al comando, come sua abitudine, non preoccupandosi della marcatura stretta di Chopin anzi sfidandolo sul ritmo che, a lungo andare, sfiancava il principale antagonista. Quando alla dirittura Chopin ha tentato l’aggancio, De Tzaramonte (P. Denanni – F. Brocca – N. Murru) è ripartito alla grande mettendosi al riparo dall’ottimo spunto di Carmelino che conquistava il secondo posto. Terzo Chopin, quarto Danubio de Mores.

In chiusura il Premio Panathlon Club Ozieri sui 1.000 metri, per i purosangue velocisti è andato, come da pronostico, a Priol de l’Alguer (P. Manca – L. Chessa – N. Murru) che lasciava sfogare Come nelle favole passata a condurre sin dall’avvio, per poi scattare a metà dirittura rifacendo terreno e superandola agevolmente. Per il terzo posto rinveniva Say the Truth, quarto Longlife Elisir. I fantini Mattia Manca e Nino Murru mettevano a segno una personale doppietta. La prossima giornata di corse sarà in programma domenica 7 maggio.

Diego Satta

In copertina: De Tzaramonte in una foto di repertorio (foto D. Satta)

Leggi anche: Terza giornate di corse all’Ippodromo di Chilivani. Attesa per la sfida tra De Tzaramonte e Chopin

Le altre notizie su Logudorolive.it