• 24 Aprile 2024
  •  

Identificazione capi ovicaprini, Coldiretti Sardegna: «Necessario rilanciare la deroga al tatuaggio»

Pecore
L’associazione ribadisce la contrarietà all’utilizzo delle targhette.

Sabato 2 marzo 2024. «Da oltre un mese Coldiretti Sardegna ha sollecitato con varie interlocuzioni, anche nelle opportune sedi istituzionali, sulla necessità di ripresentare la deroga che consente l’uso del tatuaggio per identificare i capi ovini e caprini, oltre al bolo elettronico ruminale (primo mezzo necessario secondo le norme). Senza la deroga gli allevatori saranno costretti a riutilizzare le targhette che hanno già presentato in passato molti problemi, in particolare per gli stessi animali. Abbiamo saputo che ieri c’è stato un incontro con il ministero della Salute e l’assessorato dell’Agricoltura durante il quale è stato chiesto di rivedere questo sistema nella direzione auspicata da noi allevatori. Non perdiamo le speranze ma chiediamo celerità e concretezza». 

Così il presidente di Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu, sottolinea i passi fatti dall’associazione e le sue richieste in merito al problema dell’identificazione dei capi ovicaprini.  

«Riteniamo che l’applicazione del tatuaggio con il relativo codice di identificazione per ogni singolo capo sia il metodo migliore – ricorda il direttore Coldiretti Sardegna Luca Saba – non solo perché più sicuro per gli animali evitando la perdita delle targhette che molto spesso creano danni e lesioni durante il pascolo ma anche perché risponde meglio alle esigenze di lavoro delle aziende sarde di allevamento. Quello del tatuaggio è un sistema ormai consolidato e sicuro e pertanto rilanciamo sulla necessità di un intervento in questo senso».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.