• 21 Luglio 2024
  •  

Lunedì 14 agosto Time in Jazz fa tappa a Mores e Banari

Gianni Cazzola
Intensa vigilia di Ferragosto per il festival diretto da Paolo Fresu che in serata ha in programma anche i concerti a Berchidda dei Farafina e dei Savana Funk con Willy Peyote.

BERCHIDDA. Altra giornata fitta di appuntamenti, musicali e non, lunedì 14 agosto per Time in Jazz, il festival diretto da Paolo Fresu, che fino a mercoledì vive la sua 36esima edizione, snodandosi tra il centro della manifestazione Berchidda e le altre località del Nord Sardegna che fanno parte del suo circuito.

Il confronto e l’incontro tra diverse generazioni di musicisti, tema evocato dal titolo scelto per questa edizione, “Futura”, calza bene ai due concerti in programma per la vigilia di Ferragosto. Il primo a Mores (ore 11), nei pressi della chiesa di San Giovanni, con un nome storico del jazz nazionale, il sassofonista barese Roberto Ottaviano (classe 1957). Il secondo, dalle 18, a Banari con il concerto del batterista bolognese Gianni Cazzola (classe 1938), decano del jazz nazionale con i suoi 65 anni di carriera musicale. Definito “l’Art Blakey italiano”, nella formazione in scena a Banari, Cazzola riunisce intorno ai suoi piatti e tamburi quattro giovani musicisti in un gruppo pieno di swing: lo “Young Italian Quintet“, composto da Tommaso Profeta al sassofono, Attilio Costantino alla chitarra, Andrea Candeloro al pianoforte e Carlo Bavetta al contrabbasso.

Si concentra come sempre a Berchidda il programma della serata, introdotta alle 19.30 dalla consueta parata per le strade della Rusty Brass, band bresciana di ottoni e percussioni, con la sua avvincente combinazione di suoni e ritmi funk e rock, esotici e balcanici. Altro appuntamento abituale quello con il FestivalBar, la minirassegna ospitata a turno da uno dei bar del paese: già protagonista la sera prima al Museo del Vino, alle 20 torna di scena, stavolta al Bar Centrale, Gabriele Pollina, polistrumentista e percussionista che fonde le melodie ipnotiche dell’Handpan, un particolare strumento a percussione a doppia campana di acciaio, con beat elettronici suonati dal vivo.

Farafina

Time in Jazz continua poi sul palco “centrale” del festival, in piazza del Popolo, dove dalle 21.30 si esibiranno i Farafina, gruppo originario del Burkina-Faso, e la band bolognese Savana Funk, formazione che incarna l’essenza della live band con jam incendiarie, groove irresistibili e un’invidiabile presenza scenica. I Savana Funk si presenteranno in compagnia di Willie Peyote, considerato una delle figure più interessanti della scena indie nazionale.

Spenti i microfoni e i riflettori sul palco di piazza del Popolo, al via nella piazzetta adiacente con il consueto appuntamento dopo-concerto curato dal batterista berchiddese Nanni Gaias. il suo trio, con Giuseppe Spanu alla chitarra e Pier Piras al basso, accoglie e accompagna un musicista ogni sera diverso sotto l’insegna di Time After Time, un progetto ospitato da Insulae Lab, il centro di produzione della musica jazz e della creatività artistica delle isole del Mediterraneo, ideato, firmato e fortemente voluto dall’associazione Time in Jazz, con la direzione artistica di Paolo Fresu. Ospite domani la Rusty Brass Band. E al termine, la musica continua nella notte berchiddese con il dj set di Dj Cris.

Scarica il programma

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.