• 21 Gennaio 2021
  •  
Logudorolive

Subito i medici dell’Esercito nelle case di riposo

Anziano Isili

«Anziani senza assistenza medica… subito i medici dell’Esercito nelle case di riposo». Così il capogruppo in Regione del M5S Michele Ciusa che nel denunciare la gravissima emergenza nella Comunità integrata per anziani di Isili chiede alla Regione di attivarsi affinché l’ATS metta in campo tutte le misure più valide per affrontarla, chiedendo l’ausilio immediato dei medici militari.

«Sta diventando ogni giorno più seria e preoccupante la situazione in cui versano gli ospiti della Comunità integrata per anziani di Isili – spiega Ciusa –, in cui attualmente risultano positivi 27 ospiti su 48 totali. Pazienti fragilissimi privi di assistenza poiché il virus non ha risparmiato neanche il personale sanitario della struttura, dove ben otto dipendenti sono risultati positivi al covid e si trovano in isolamento domiciliare».

Isili. Subito i medici dell'Esercito nelle case di riposo
Scorcio di Isili

Il momento è complicato e drammatico – continua il Capogruppo –. Due ospiti della Comunità di Isili, negativi al Covid, sono purtroppo deceduti, e il nostro timore è che non abbiamo ricevuto un’adeguata assistenza sanitaria, considerato che i medici di base, ai quali si appoggiava la struttura del Sarcidano non stanno garantendo il servizio per paura di contrarre il virus. Una cosa è certa, non si può andare avanti in queste condizioni”.

 “A Isili, tra oggi e domani – fa sapere Ciusa –, il personale medico dell’Esercito effettuerà un’attività di screening a campione sulla popolazione. Purtroppo però le persone con positività già accertata sono ancora costrette a recarsi a Cagliari per effettuare i test di controllo con il rischio di trasmissione del virus”.

Subito i medici dell’Esercito nelle case di riposo: «La situazione è al collasso, chiedo pertanto che tutte le istituzioni preposte, Regione, Ats e Comune, lavorino d’intesa affinché si possa arrivare tempestivamente a formulare una richiesta formale di sostegno da parte dei medici militari alle strutture per anziani rimaste sguarnite».

Il numero dei contagi nella case di riposo è allarmante e diffuso sul territorio regionale. Per questo la proposta di Ciusa si estende a tutte le strutture attualmente prive di una dotazione organica adeguata.

«Sappiamo che nella Comunità alloggio per anziani di Nureci, in Provincia di Oristano, in cui 16 pazienti sono positivi al covid, non è garantito nemmeno il servizio del 118. Analoghe condizioni inaccettabili le ritroviamo a Gergei, dove nell’ospizio comunale si contano ben 29 contagi. La situazione è evidentemente fuori controllo. L’ATS si attivi con urgenza perché nessun territorio venga di fatto abbandonato», conclude il pentastellato Michele Ciusa.