• 9 Dicembre 2021
  •  

Ozieri, duro scontro tra le forze politiche della città

Si inasprisce lo scontro tra le forze politiche della città. Tutto nasce dal Consiglio comunale del 1 settembre scorso con all’ordine del giorno l’approvazione del regolamento e delle aliquote Imu. Non presenti alla riunione i consiglieri di minoranza di Prospettive per Ozieri Antonio Delogu, Marco Peralta e Margherita Molinu. Una defezione che non è sfuggita alla consigliera di maggioranza Giuseppina Sanna (Pd), la quale durante la seduta ha preso la parola per sottolineare con decisione proprio l’assenza. Un intervento questo che però non è piaciuto agli esponenti di Prospettive che hanno duramente risposto a Sanna con un’accesa nota stampa datata 4 settembre. A stretto giro di posta la controreplica pepata del Circolo del Partito Democratico a difesa della sua iscritta. Ma non è tutto. Sempre nella stessa giornata del 4, a chiudere il cerchio, arriva la nota considerativa sulla vicenda degli altri consiglieri di maggioranza di Comune Obiettivo.

Essendo questa una questione delicata abbiamo deciso di non entrare nel merito per il semplice fatto che si tratta di una diatriba che secondo noi, partendo da una legittima decisione di una parte e dell’altrettanto legittima sottolineatura dell’altra, è travalicata su un piano difficile da inquadrare nell’interesse comunitario vero e proprio. Lo scontro, pur basandosi su questioni delicate e condivisibili a seconda dei punti di vista di una o dell’altra parte, sarebbe dovuto rimanere, a nostro avviso, confinato all’interno dell’Aula consiliare con tutte le forze presenti per un confronto leale e democratico. Pubblichiamo comunque, perché ognuno si faccia un’idea dell’accaduto, rigorosamente in ordine cronologico le note tre note stampa di Prospettive per Ozieri, Circolo Partito Democratico e Comune Obiettivo per Ozieri.

NOTA PROSPETTIVE PER OZIERI

Mancata partecipazione di prospettive al Consiglio comunale: i motivi di una scelta obbligata che tutti i cittadini hanno compreso (tranne uno). Pensavamo che spiegare la nostra mancata partecipazione alla Commissione Bilancio di fine agosto ed allo scorso Consiglio Comunale, sarebbe stato superfluo e generalmente comprensibile, vista la situazione di emergenza-Covid che si è venuta a creare all’interno delle mura del nostro Comune e che limitarci a comunicare, a chi di dovere, i reali motivi della nostra assenza e di riferirlo in aula fosse più che sufficiente.

Avevamo preferito non pronunciarci pubblicamente, per non ingenerare polemiche e divisioni in un momento delicato e difficile, in cui alcune famiglie di Ozieri sono state toccate da vicino ed hanno bisogno, solo ed esclusivamente, della nostra vicinanza e solidarietà e del meno clamore possibile.

Molti Concittadini, che ci hanno contattato, hanno capito questa nostra scelta, dovuta non già a codardia per timore di contagio ma per preservare chi è più debole e maggiormente esposto di noi né, tantomeno, per menefreghismo. Abbiamo semplicemente constatato la mancanza di sicurezza sanitaria degli ambienti comunali.

Ci è apparso da subito chiaro che, già nella notte del giorno prima del Consiglio, quando la maggioranza ha confermato il suo svolgimento nell’aula consiliare nonostante le nostre forti obiezioni, non ci fossero le condizioni di garanzia sanitarie idonee.

Sapevamo infatti che era stata disposta la chiusura del Comune per la sanificazione per ben due giorni e che dunque, nel bel mezzo di essi, fosse inverosimile che si creasse una sorta di “bolla sanitaria di sicurezza” nell’aula consiliare e nel percorso per arrivare ad essa.

Senza contare, inoltre, che nessuno dei consiglieri che vi ha partecipato, aveva effettuato il tampone prima della seduta e lo ha effettuato (gratuitamente, in barba ai comuni cittadini, che se lo pagano di tasca propria) solo il giorno dopo ed in più che non si conosceva l’esito dei tamponi della stragrande maggioranza dei dipendenti comunali.

Insomma, questa è stata la nostra scelta e queste sono le nostre motivazioni: giudichino i Cittadini se siano corrette o meno.

Siamo però rimasti molto sorpresi ed anche interdetti dall’attacco sferzante e, a dir vero, un po’ vigliacco, perché perpetrato in assenza di contraddittorio, a noi inoltrato della Consigliera-Non Assessora ed ex-assessora (per nulla rimpianta) Giuseppina Sanna, che ha lamentato la nostra ingiustificata assenza, sia alla Commissione Bilancio che al Consiglio, da noi espressamente richiesti la volta scorsa in quanto non ci erano stati consegnati i documenti inerenti.

La Consigliera Sanna, spinta probabilmente dall’occasione troppo ghiotta di attaccare e sparlare dei colleghi in loro assenza e privi di qualsivoglia possibilità di replica istantanea o spinta forse dall’effimera ribalta mediatica che la diretta streaming del Consiglio offre, si è lamentata della nostra assenza, politicamente illogica ed invero quasi irrispettosa del Consiglio e delle istituzioni tutte.

Proprio Lei che, per due anni circa di legislatura, è stata egoisticamente e comodamente assente, agiatamente rinchiusa nelle sue confortevoli mura domestiche, senza mai giustificare – né mai gliene abbiamo chiesto conto – la propria biennale assenza in Consiglio e Commissioni varie e, cosa ben più grave, senza voler cedere il passo a chi poteva subentrare al suo posto, tenendosi attaccata alla propria poltrona senza “mollare” minimamente la presa, ci bacchetta e sparge lezioni di moralità a piene mani senza averne titolo.

Non che il suo ritorno alla partecipazione dei Consigli Comunali ed alle Commissioni abbia apportato chissà quale contributo alla causa comune. Anzi, tutt’altro.

Sapevamo e sappiamo cosa è in grado di dare (più nulla che poco) alla vita comunale, vista la sua pregressa esperienza nell’Assessorato Sport e Cultura, dove è brillata per assenza ed immobilismo e dove è ricordata per aver affermato, sdegnosamente e sprezzantemente, che per lei lo sport non esisteva ritenendosi, presumibilmente, intellettualmente troppo in alto per abbassarsi a trattare di cose sportive coi comuni mortali appassionati.

Insomma, ci saremo aspettati maggior attenzione e prudenza nel proferire quelle incaute parole, più delicatezza e comprensione nei nostri confronti e, in generale, per il particolare momento, nei confronti della Cittadinanza. Niente di tutto questo!

La Consigliera Sanna ha ritenuto di strumentalizzare la nostra assenza e di doversi issare “savonarolamente” nella cattedra della moralità, per impartirci una severa lezione di etica pubblica, senso civico e rispetto politico di cui lei stessa è sprovvista: in definitiva, un’insegnante che dà lezioni senza titoli in regola.

Ci scusi per la dura replica, ma non accettiamo lezioni da nessuno, tantomeno da chi predica bene e razzola male.

Il gruppo consiliare “Prospettive per Ozieri” Marco PERALTA, Antonio DELOGU, Margherita MOLINU


NOTA DEL PARTITO DEMOCRATICO DI OZIERI

Il comunicato del gruppo Prospettive relativo alla presa di posizione riguardo al la loro assenza all’ultima seduta del Consiglio Comunale altro non è che l’ennesimo scomposto e volgare attacco personale rivolto a un componente della maggioranza, a cui già ci è capitato di assistere. Un attacco ingiustificato e sproporzionato nel merito, quanto

ignobile, vergognoso e volgare nella forma, rivolto alla Consigliera Giuseppina Sanna, “rea”, secondo i novelli inquisitori, di avere chiesto, in un breve intervento in Consiglio Comunale, spiegazioni per l’assenza ingiustificata e incomprensibile dei tre Consiglieri di Prospettive, ovvero Peralta, Delogu e Molinu, dal momento che proprio quell’appuntamento, urgente e inderogabile, era stato convocato su espressa richiesta del gruppo di opposizione.

Tutto questo ha scatenato un violento attacco frontale, attraverso una risposta sproporzionata, scomposta e dai toni chiaramente sessisti, misogini e fortemente offensivi che, ancora una volta, denota lo sti le di un gruppo politico, il quale di fronte all’incapacità di iniziativa politica e in totale e palese assenza di argomenti e proposte concrete finalizzate al bene della nostra comunità, scade nell’ingiuria e nell’offesa personale, colpendo l’avversario, eretto per l’occasione a nemico, nella sfera più intima e umana.

E invece, cari amici di Prospettive, vi invitiamo a spiegare agli ozieresi perché nella seduta del Consiglio del 30 luglio avete chiesto di rinvia re la discussione e la deliberazione di argomenti di primaria importanza e interesse per i cittadini e, al contempo, avete chiesto di convocare nuovamente un’apposita Commissione Consiliare e un ulteriore riunione del Consiglio (seduta del 1 settembre), salvo poi non presentarvi a entrambe, senza addurre alcuna giustificazione plausibile, con un atteggiamento sprezzante e irrispettoso nei confronti delle istituzioni e delle stesse persone, a iniziare dagli altri Consiglieri , oltre che degli stessi cittadini, i quali attendevano risposte certe e immediate su temi di primaria importanza.

Spiegate perché, quando in Comune era in corso la sanificazione dei locali per far fronte all’emergenza sanitaria, vi siete opposti in tutti i modi, unici e soli tra i gruppi politici, a che la seduta del Consiglio si potesse tenere in una sede diversa dalla Casa Comunale, a tutela della salute di tutti, pretendendo con inesistenza che la riunione si svolgesse

proprio nella Sa la Consiliare, salvo poi non presentarvi neppure, in barba alla più banale forma di correttezza e coerenza e accusando la maggioranza di quella decisione che voi stessi chiedevate a gran voce!

Ecco, spiegate queste cose se ne siete capaci, anziché accusare una Consigliera Comunale di essere stata assente (magari perché in stato di gravidanza o subito dopo il parto) o attaccandola per i suoi titoli di studio (certo, ora sappiamo che va molto di moda il pressapochismo e il mantra dell’ “uno vale uno” e voi ne siete degli eccellenti seguaci), oppure per la sua esperienza amministrativa come componente della precedente Giunta Comunale, in seguito alla quale la consigliera Sanna, vorremmo sommessamente ricordare, si è presentata al giudizio degli elettori, venendo rieletta con ben 244 voti.

Imparate a fare Politica, quella seria, fatta di contenuti e argomentazioni valide, se ne siete in grado, oppure, se preferite, continuate con le ingiurie, con le dichiarazioni dai ton i beceri e squallidi, che denotano voi e la vostra idea di politica. Gli ozieresi, che non sono certamente persone stupide e limitate, come a quanto pare voi stessi ritenete, sapranno valutare con giudizio e senso critico questo vostro comportamento umanamente irrispettoso e politicamente vergognoso, pieno di propaganda e populismo, ma povero di contenuti e idee. Sapranno va lutare i risultati della vostra azione come gruppo di opposizione e quella dei vostri rappresentanti regionali, dei quali aspettiamo ancora risultati concreti e tangibili per Ozieri e per il territorio e che invece stentano ad arrivare.

A Giuseppina, nostra valida Consigliera e rappresentante, va la solidarietà, la vicinanza e il pieno e forte sostegno di tutta la comunità del Partito Democratico. Ad essa va l’abbraccio di tutte le democratiche i democratici che si riconoscono in va lori e principi che, a quanto pare, sono diametralmente opposti a quelli dei nostri colleghi di Prospettive.

Il Circolo del Partito Democratico di Ozieri


NOTA COMUNE OBIETTIVO PER OZIERI

Assenze in commissione e in consiglio: le nostre considerazioni. Credevamo che i tempi per la normale dialettica fra rappresentanze in Consiglio Comunale, dopo tre anni di esperienza e di crescita da parte di tutti, non potesse più essere la scusa per aprire quella valvola di sfogo per i rigurgiti offensivi e politicamente scorretti, che raggiunsero l’apice in un giorno di pioggia, come tutti gli ozieresi purtroppo ricordano.

Pensavamo che esprimere una posizione politica non potesse essere il pretesto per insultare e predicare. Certamente non immaginavamo che divenisse l’occasione per un gruppo di consiglieri, per erigersi a scienziati onniscienti, facendo passare maldestramente per “imbecilli” tutti gli altri consiglieri comunali che vi hanno partecipato, confidando nell’autenticità di un certificato di sanificazione rilasciato da ditta autorizzata ed accreditata prima dell’inizio del Consiglio comunale.

Pensavate che in tutta questa girandola di informazioni e considerazioni offensive ci sarebbe sfuggito che, la scusa della sanificazione dell’aula consiliare non regge?

Per quanto riguarda la commissione bilancio, eravate semplicemente assenti, perché nessun fatto legato al Covid, in Comune era ancora noto a nessuno, o dobbiamo chiedervi se avevate informazioni che avete ritenuto di non condividere, mettendo a rischio dipendenti e amministratori?

È perfino imbarazzante leggere che per giustificare l’assenza in Consiglio e in commissione ci raccontate di aver constatato “la mancanza di sicurezza sanitaria”. In sostanza noi siamo tutti matti e non vediamo l’ora di prenderci il Covid 19 e menomale che ci siete voi che state attenti a tutto, con atti di sensibilità sostenuti dai numerosi cittadini.

Vogliamo comunque trarre alcune considerazioni, anche noi, dal basso di chi vive coi piedi piantati per terra ed è abituato a non sfuggire alle proprie responsabilità.
Il quesito posto in consiglio comunale da una rappresentante del gruppo politico di maggioranza, divenuto pietra dello scandalo, era uno solo.
“Qual è il senso politico della assenza del gruppo Prospettive in commissione bilancio il 26 agosto e in consiglio comunale il primo settembre”?

Quesito legittimo visto che la richiesta di convocarli per necessità di approfondimenti proveniva proprio dal gruppo Prospettive e il consiglio approvava all’unanimità. Tale quesito ad oggi non ha trovato risposta, neppure un minimo riferimento fra le cinquanta righe e più per erigervi a esperti di sanificazione, sensibili conoscitori dello stato d’animo dei più deboli coinvolti nelle vicende Covid, aggiungiamo noi, feroci aggressori a livello umano di un avversario politico verso il quale sono state espresse considerazioni offensive, che non trovano giustificazione, rispetto ad un quesito tutto politico posto con garbo correttezza istituzionale e nella sede deputata.

Discutevamo di tariffe Imu, nel Consiglio del primo settembre, per le quali siamo pronti a scommettere che nei prossimi mesi ci racconterete (col favore delle telecamere, quello si) che sono alte, inadeguate e inique, così’ tanto per fare ancora una volta populismo a gratis, magari per farci dimenticare che quando le scelte si potevano fare e bisognava decidere, voi eravate impegnati a salvare Ozieri dalla pandemia, e assenti dove altri provavano a dare il loro contributo per amministrare la città.

Sapete potremmo andare avanti giorni a discutere se volete dare o accettare lezioni da qualcuno, a noi non interessa. Da parte nostra vi ricordiamo che il giudizio finale lo si esprime con uno straordinario esercizio di democrazia che si chiama voto, e solo per fornire qualche riferimento scientifico fondato, alla portata di tutti noi, che non saremo biologi o chimici di alto livello ma sappiamo contare, vogliamo affermare con orgoglio che, nel gruppo di maggioranza, siedono ex assessori ed ex consiglieri eletti anche più di una volta. Rieletti dopo aver svolto il proprio dovere, sbagliando quando è successo, perché, a parte voi, non esistono esseri umani infallibili, raccogliendo le preferenze che hanno permesso di essere rieletti.

Gruppo consiliare Comune Obiettivo