• 25 Giugno 2024
  •  

Siligo, la Fondazione Maria Carta pronta a ripartire

Maria Carta Siligo
Nell’ambito del progetto Freemos, prevista ad aprile la prima tappa all’isola d’Elba, dove è presente una comunità di emigrati sardi. Ritorna anche il Premio Maria Carta, in programma il 1° settembre nel centro del Meilogu.

SILIGO. Il consiglio direttivo della Fondazione Maria Carta si è recentemente riunito a Siligo per fare il bilancio dell’attività svolta lo scorso anno e pianificare le azioni per il per il 2024. Nel corso del 2023, la Fondazione ha promosso e organizzato diversi eventi di successo, in primis la XXI edizione del Premio Maria Carta tenuta a Siligo il 3 settembre. Poi la trasferta a Barcellona l’8 e il 9 ottobre per il progetto “Navigantes – La nave dell’identità”, con i colori e i suoni della Sardegna che hanno sfilato per le ramblas della capitale catalana. Durante quest’ultimo evento, la Fondazione ha rafforzato i legami con Adifolk, l’associazione che promuove le tradizioni popolari della Catalogna, e con la Generalitat, il governo regionale.

Positivo anche il riscontro avuto con il volume “Cantu rituale”, realizzato dalla Fondazione con il coinvolgimento del quotidiano La Nuova Sardegna e curato da Clara Farina che ha tradotto in sardo le poesie di Maria Carta pubblicate nel 1975. Continuando, da ricordare il concertone in piazza d’Italia a Sassari alla vigilia della Cavalcata Sarda e l’adesione alla Fondazione Trenino Verde dell’Arst. E ancora, gli eventi legati al progetto Freemmos dove si è discusso del tema dello spopolamento in Sardegna. Per quanto riguarda il Museo dedicato a Maria Carta, sono state registrate circa mille visite, soprattutto di scolaresche e gruppi di turisti. Infine, riscontro positivo anche per la gestione economica, a conferma di una attenta e oculata programmazione.

Maria Foddai

L’attività della Fondazione nel 2024 ripartirà da Freemmos, con la prima tappa in programma in aprile all’isola d’Elba, dove vive una nutrita comunità di emigrati sardi. Prima però, l’8 marzo, Clara Farina interpreterà al Teatro Dal Verme di Milano una selezione dei versi raccolti nel volume “Cantu rituale” in occasione del Premio internazionale di poesia in lingua sarda, promosso dal locale Centro Sociale Culturale Sardo. Nel 2024 cadono anche i trent’anni dalla morte di Maria Carta, che avrebbe inoltre compiuto 90 anni (era nata il 24 giugno 1934). Il doppio anniversario verrà celebrato con un concerto inserito nel calendario delle iniziative legate alla Festa di Sant’Efisio. Il 1° settembre a Siligo ritornerà poi il Premio Maria Carta, con una XXII edizione che si preannuncia, come sempre, ricca di ospiti prestigiosi.

In occasione di questa prima riunione del consiglio direttivo nel 2024 è stata anche formalizzata la nomina, in rappresentanza dell’Università di Sassari, dell’antropologo Domenico Branca, ricercatore del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, che sostituisce la sociologa Romina Deriu, docente nei Dipartimenti di Giurisprudenza e di Storia, Scienze dell’uomo e della Formazione.

Leonardo Marras Presidente Fondazione Maria Carta

Soddisfazione per gli eventi realizzati nel 2023 è stata espressa dal presidente della Fondazione, Leonardo Marras (nella foto), che ha confermato lo stesso impegno anche per il 2024. «L’obiettivo – ha rimarcato – è sempre la promozione e la valorizzazione della figura di Maria Carta attraverso le attività della Fondazione nei vari settori culturali nei quali siamo presenti, come la musica, la poesia, il teatro e l’ambito sociale, in particolar modo con il tema dello spopolamento che stiamo portando all’attenzione di media e istituzioni ormai dal 2017 attraverso il progetto Freemmos, a livello locale, nazionale e internazionale, in stretta collaborazione con i circoli dei sardi sparsi nel mondo».

Le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.