• 5 Dicembre 2022
  •  

Convegno domani a Iglesias su salute, ambiente e sistema sanitario regionale

Isde medici per lambiente
Durante l’incontro, promosso da Rete Sarda per la Difesa della Sanità Pubblica e Isde Sardegna-Medici per l’Ambiente, verranno presentati i dati preoccupanti sulla mortalità e l’incidenza di patologie connesse alle esposizioni ambientali in tutto il SIN del Sulcis-Iglesiente e Guspinese.

IGLESIAS. La Rete Sarda per la Difesa della Sanità Pubblica e Isde Sardegna-Medici per l’Ambiente, sabato 15 ottobre, alle ore 16.00 presso la Sala Blu del Centro Culturale di Iglesias promuovono il Convegno dibattito pubblico su “Salute e ambiente nella transizione ecologica e Smantellamento del sistema sanitario pubblico” nel Sulcis Iglesiente.

Il convegno itinerante, parte da una delle aree geografiche più inquinate dell’Isola. Per l’occasione Isde Sardegna presenterà i dati preoccupanti sulla mortalità e l’incidenza di patologie connesse alle esposizioni ambientali in tutto il SIN (Sito di Interesse Nazionale per le bonifiche) del Sulcis Iglesiente e Guspinese. I dati sono rilevati dallo studio epidemiologico condotto in tutti i territori sardi dagli specialisti Antonello Russo, Cristina Mangia, Maurizio Portaluri, Emilio Gianicolo con il contributo dei medici di ISDE Sardegna, Domenico Scanu e Claudia Zuncheddu.

Webp.net gifmaker 1

La Rete Sarda interviene sulla crescente carenza dei servizi sanitari pubblici e sull’inacessibilità non solo ai servizi di Prevenzione, ma anche di Medicina di Emergenza Urgenza, in un vasto territorio laddove l’accesso alla prevenzione e alle cure dovrebbe essere garantito e potenziato. Come in tutti i territori sardi, si denuncia lo smantellamento dei servizi sanitari e la grave carenza di medici, infermieri, tecnici di laboratorio, un problema da affrontare e risolvere prioritariamente.

L’iniziativa mira a contribuire al superamento della crisi sanitaria e ambientale nei territori sardi con proposte concrete. Il dibattito è aperto ai cittadini, associazioni, comitati, sindacati e in primis la partecipazione dei sindaci dei 39 comuni del Sulcis Iglesiente e Guspinese è indispensabile.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it