• 13 Luglio 2024
  •  

L’Istituto “Fermi” di Ozieri apre le sue porte: domani la presentazione dell’offerta formativa 2023-24

Istituto fermi Ozieri
Quattro i corsi promossi: Agrario, Geometri, Informatico e Biotecnologico.

OZIERI. L’Istituto Tecnico “Enrico Fermi” di Ozieri è da anni un’eccellenza del panorama scolastico e culturale nel nord Sardegna. In piazza Medaglie d’Oro, sede storica dell’istituto, da decenni, si formano professionisti pronti ad affacciarsi al mondo del lavoro affrontando con gli strumenti necessari le sfide che il mercato offre.

Domani 27 gennaio, dalle 15 alle 19, si terrà l’Open Day in occasione del quale verranno presentate le peculiarità e le novità in serbo per il prossimo anno scolastico di cui le iscrizioni scadono il 30 gennaio. Quattro i corsi promossi: Agrario, Geometri, Informatico e Biotecnologico.

La presentazione si terrà nella sede storica dell’istituto seppure alcune classi, per lavori di ammodernamento che hanno interessato la struttura, siano state trasferite temporaneamente presso il Cantaro e il Liceo “Segni”.

Agrario e Geometri sono i corsi classici che contraddistinguono l’identità dell’istituto tecnico ozierese. Il primo, incentrato su agroalimentare e agroindustria, trova una collocazione naturale in un territorio come quello che fa capo a Ozieri, dove allevamento e agricoltura costituiscono i nodi centrali del tessuto economico e sociale.

Analoga situazione per il corso Geometri, una perfetta sintesi fra ambiente, costruzioni e territorio dove la capacità di programmare e progettare razionalmente diviene prerogativa dei giovani studenti.

A questi corsi si affiancano due percorsi di studio straordinariamente innovativi: l’Informatico e il Biotecnologico. Realtà che stanno già riscontrando un forte interesse fra i giovanissimi e le famiglie.

Muscas con Foto 1

Nell’ambito del Biotecnologico si formeranno i giovani affascinati dal mondo della ricerca e dal lavoro in laboratorio. Lo studio della chimica, della biochimica e delle biotecnologie è l’ideale per chi ha a cuore le tematiche ambientali e le innovazioni tecnologiche attinenti ai vari aspetti della vita quotidiana e della tutela dell’ambiente.

Si acquisiranno competenze nel campo dei materiali, delle analisi chimico-biologiche, dei processi di produzione in ambito chimico, biologico, merceologico, farmaceutico, oltre che nei settori della prevenzione di situazioni a rischio ambientale e sanitario.

Si imparerà a collaborare alla gestione di impianti chimici, tecnologici, biotecnologici e laboratori di analisi.

L’Informatico si pone invece come riferimento per chi è interessato alle telecomunicazioni analogiche e digitali e ai vari mezzi trasmissivi, ai sistemi informatici e dell’elaborazione e informazione, alle applicazioni e tecnologie web, alle reti e agli apparecchi di comunicazione.

Si imparerà a collaborare nella gestione di progetti inerenti la sicurezza e la privacy delle informazioni relazionali e di comunicazione; valutare mezzi elettronici e di telecomunicazione in base alle caratteristiche funzionali; configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti; collaborare all’ideazione e allo sviluppo di dispositivi e strumenti informatici e sistemi di telecomunicazioni; sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza.

Tra le figure professionali più richieste per l’intero settore cui accedere anche con livelli di istruzione post-diploma vi sono tecnici di centro supervisione e controllo reti, tecnici informatici, database administrator, TLC consultant, project manager, security auditor.

Quelle proposte dal Tecnico di Ozieri sono le prime realtà formative di questo tipo nel territorio, il che garantirà l’acquisizione di competenze inedite e facilmente spendibili.

Giovanni Putzu

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.