• 19 Maggio 2024
  •  

Ispezione “non autorizzata” all’ospedale di Alghero, Desirè Manca (M5s) risponde al direttore generale dell’Asl di Sassari

Desire Manca e Flavio Sensi 1
«Le recenti e alquanto infelici dichiarazioni sul mio operato rilasciate dal dott. Flavio Sensi, non mi stupiscono. Non è la prima volta, infatti, che cerca, inutilmente, di intimorirmi, minacciando querela semplicemente perché sto esercitando il mio mandato di consigliera regionale».

La consigliera regionale del M5s Desirè Manca interviene con un comunicato in risposta alle affermazioni del direttore generale dell’Asl di Sassari, Flavio Sensi, in merito alla sua ispezione dello scorso 11 aprile all’ospedale civile di Alghero per verificare l’attivazione del reparto (SSD) di Chirurgia 2.

Ospedale di Alghero, Manca (M5s): del reparto di “Chirurgia 2” esiste solo il nome

«Il dottor Sensi ha dichiarato alla stampa locale che la mia presenza presso l’ospedale civile di Alghero non era “autorizzata” – sottolinea la Consigliera –, evidentemente ignorando che qualunque consigliere regionale non necessita di alcuna autorizzazione per potere accedere alle strutture regionali, ivi comprese quelle sanitarie, per constatarne il regolare funzionamento, ovvero le carenze cui occorre porre rimedio».

«Leggo inoltre sulla stampa locale che, sempre nel corso del medesimo accesso – prosegue Manca –, secondo il dott. Sensi, avrei ignorato il diritto alla privacy dei pazienti e, infine, che avrei trascurato “le linee guida aziendali in merito alle fonti di contaminazione infettiva all’interno delle strutture sanitarie».

«Ebbene – evidenzia Manca – nel corso della mia visita, non ho ripreso nessuno con fotografie o video, ma mi sono limitata a esercitare il mio diritto di accesso visionando i locali e gli uffici dell’ospedale, senza attingere alle informazioni sensibili dei pazienti. Gli stessi che quotidianamente chiedono il mio intervento nelle strutture sanitarie dell’intera Regione, alla luce della disastrosa situazione in cui queste si trovano».

Muscas 3

«Appare altrettanto non veritiera – aggiunge Desirè Manca – l’affermazione per cui non avrei rispettato le linee guida aziendali sulle fonti di contaminazione infettiva. Se queste linee guida siano il rispetto delle distanze di sicurezza, la disinfezione della mani e la mascherina, faccio presente al Dg Sensi che in tutti gli accessi presso le strutture sanitarie, nonché in occasione di incontri con persone fragili o con chi me ne faccia richiesta, ho sempre correttamente indossato la mascherina, non solo come rispetto delle regole, ma quale forma di rispetto delle persone. Se poi vi siano altre linee guida, diverse rispetto a quelle praticate da tutti da oltre tre anni, non sono l’unica a ignorarlo, perché, nel corso di una seconda visita ispettiva di questa mattina presso l’Ospedale Civile di Alghero, funzionale proprio all’acquisizione delle Linee guida in questione, il dott. Gioachino Greco mi ha confessato candidamente di non conoscerle. E poiché ho atteso oltre tre ore che me ne venisse fornita copia con il relativo numero di protocollo, ho la sensazione netta che le linee guida non siano smarrite, ma manchino del tutto, benché sbandierate ai giornali per attaccare la mia persona».

Alla luce delle dichiarazioni del dott. Sensi, oggi, la consigliera regionale ha presentato formale richiesta di intervento del Presidente del Consiglio regionale, Michele Pais, e una richiesta di accesso agli atti all’assessore alla Sanità, Doria, per chiedere copia delle “Linee guida aziendali in merito alle fonti di contaminazione infettiva all’interno delle strutture sanitarie”.

«È evidente che il dott. Sensi, da qualche tempo – rimarca la pentastellata – invece che tentare di porre rimedio alla disastrosa situazione della sanità sassarese, preferisce attaccare la mia persona con argomenti pretestuosi, arrivando fino a minacciare una “diffida legale per tutelare l’immagine della Asl di Sassari” come accaduto in occasione della mia interrogazione sull’opportunità di un contratto locazione di un immobile di proprietà di un privato, da adibire a farmacia territoriale del Comune di Sassari, al posto di utilizzare, per esempio, il polo sanitario di Rizzeddu».

«Queste dichiarazioni non solo non hanno la capacità di intimorirmi ma rafforzano i miei propositi e la bontà delle mie azioni che si poggiano non sulle antipatie personali ma sulle decine di segnalazioni che pervengono quotidianamente all’indirizzo della mia segreteria. Ricordo inoltre che non agisco e mai ho agito per interessi personali, e questo per me è la più assoluta garanzia di libertà da qualunque tipo di condizionamento», conclude Desirè Manca.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.