• 23 Aprile 2024
  •  

Carenza di primari negli ospedali sardi, interrogazione di Roberto Deriu (Pd)

Medico
Per il consigliere regionale «la situazione non può più essere ignorata» se si vuole «garantire un futuro migliore per la sanità pubblica nella nostra terra».

La profonda crisi della sanità pubblica in Sardegna è al centro dell’attenzione del Consiglio regionale isolano con l’interrogazione presentata in queste ore da Roberto Deriu, consigliere del Partito Democratico. Il documento, sottoscritto da tutto il gruppo dem, è indirizzato all’assessore regionale della sanità e mira a fare luce sulla carenza di primari, ora direttori delle strutture complesse, negli ospedali pubblici dell’isola.

«La sanità pubblica in Sardegna da troppo tempo versa in una situazione a dir poco critica, caratterizzata da una carenza di personale medico e infermieristico, il che ha portato spesso alla chiusura di interi reparti ospedalieri – sottolinea Deriu –. Un aspetto particolarmente preoccupante riguarda i primari negli ospedali pubblici, che risultano insufficienti rispetto alle necessità dell’isola».

Con l’interrogazione, il gruppo PD chiede informazioni precise sull’attuale numero di direttori di strutture complesse presenti negli ospedali pubblici sardi, oltre a conoscere quanti concorsi per tale posizione siano in corso al momento. “Dati di fondamentale importanza per comprendere la portata del problema e per intraprendere eventuali azioni correttive”, ha precisato l’esponente dem.

«La mancanza di primari – prosegue il consigliere – può infatti avere ripercussioni gravi sull’organizzazione ospedaliera, sulla gestione del personale e sulla qualità dei servizi offerti ai cittadini, che rischiano di non ricevere l’assistenza sanitaria essenziale a cui hanno diritto. Molte persone si trovano costrette a percorrere lunghe distanze per accedere alle cure, con gravi disagi sia per i pazienti che per le loro famiglie».

«È urgente adottare misure concrete per affrontare la crisi nella sanità pubblica sarda, garantendo un adeguato numero di direttori di strutture complesse e una migliore gestione delle risorse umane per offrire un servizio sanitario efficiente e di qualità a tutti i cittadini. La situazione attuale non può essere ignorata, è necessario agire senza indugi per garantire un futuro migliore per la sanità pubblica nella nostra terra», conclude Roberto Deriu.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.