• 25 Settembre 2022
  •  

Martedì 23 agosto all’Asinara il tributo a Lucio Dalla con il trio Servillo, Girotto e Mangalavite

servillo trio
Si inizia alle 18.30 a Cala Reale.

PORTO TORRES. L’omaggio ad uno dei più grandi cantautori italiani in uno in uno dei luoghi più incantevoli del Mediterraneo. Martedì 23 agosto il festival Musica sulle Bocche fa tappa a Porto Torres e più precisamente nell’isola dell’Asinara per “L’anno che verrà”, l’omaggio a Lucio Dalla proposto da un trio d’eccezione composto da Peppe Servillo alla voce, Javier Girotto al sassofono e Natalio Mangalavite al piano.

Si recupera così l’appuntamento di mercoledì 17 saltato per le avverse condizioni meteo. Si inizia alle 18.30 a Cala Reale. I biglietti per il concerto e tutte le informazioni del festival si trovano sul sito www.musicasullebocche.it. Il rientro degli spettatori sarà assicurato da una corsa supplementare del traghetto per Porto Torres che partirà dall’Asinara alle 22.

“L’anno che verrà” è un viaggio attraverso i capolavori di Lucio Dalla, uno dei maestri della musica italiana di tutti i tempi. Il casertano Peppe Servillo, fondatore, cantante e autore dei testi degli Avion Travel, è in scena insieme a due argentini dalla vocazione jazz quali Javier Girotto (in Italia dal 1990 e fondatore degli Aires Tango) e Natalio Mangalavite, da quasi vent’anni in Europa tra jazz, pop (è uno storico collaboratore di Ornella Vanoni) e world music. Così, “L’anno che verrà” diventa un viaggio attraverso i capolavori di uno dei maestri della musica italiana di tutti i tempi, frutto di una collaborazione pluriennale tra Servillo Girotto e Mangalavite dalla quale nasce sempre un incastro musicale perfetto.

Becugna copia

«L’anno che verrà ci sembrava il titolo più indicato per questo progetto, visto l’anno che abbiamo passato e con l’augurio che davvero sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno!», spiega Peppe Servillo, citando la famosissima canzone dell’artista bolognese. «Lucio Dalla sapeva indagare il futuro con le sue canzoni da profeta e per questo ci avviamo con la lampada a ripercorrerle, canzoni antiche come la terra, ma con dentro un motore che guarda il domani.

Lucio Dalla ha sempre intercettato il comune sentire traducendolo in forma poetica e popolare grazie anche alle sue grandi doti di interprete. Il nostro tentativo è quello di rileggere i suoi brani nella speranza di ritrovare nella sua scrittura la capacità di fare della canzone un segnale imprescindibile del nostro cercare la vita, del fare poesia», conclude il cantante.

Il festival jazz internazionale Musica sulle Bocche è sostenuto dalla Camera di Commercio di Sassari grazie al progetto “Salute & Trigu”, dall’assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna, dal Ministero ai Beni Culturali, dalla Fondazione di Sardegna, dai dieci comuni che ospiteranno i concerti, in collaborazione con Coldiretti Sardegna, il Dipartimento Produzione Multimediale della facoltà di studi umanistici dell’Università di Cagliari, l’Accademia alle Belle Arti di Sassari e l’associazione Bes.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it