• 25 Luglio 2024
  •  

Servizi alla persona, in Sardegna 1200 lavoratori fantasma

Parrucchiera
Stop agli irregolari nell’acconciatura ed estetica. Parte la campagna social per affidarsi solo a professionisti.

CAGLIARI | 24 giugno 2024. Nell’isola quasi 3mila imprese dei settori dell’acconciatura e dell’estetica danneggiate da 1.200 lavoratori fantasma. Anche Confartigianato Sardegna dice stop all’abusivismo. E lo fa, insieme ad altri partner, da oggi e per tre settimane, attraverso una campagna di sensibilizzazione via web e social, con il patrocinio del Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

I numeri nazionali sul settore dei “servizi alla persona”, elaborati dell’Ufficio Studi di Confartigianato Sardegna, su dati Istat-Infocamere, raccontano di un tasso di irregolarità del 27,6%. Si tratta del valore più alto tra i vari settori e supera di gran lunga il tasso medio nazionale, che si ferma al 14,4%. questo settore sia fortemente esposto, in maniera più o meno grave, a una illegalità professionale che sta assumendo i contorni dell’emergenza. Ci sono – come già detto – almeno 1.200 i lavoratori irregolari, che operando totalmente in nero o in posizione “border line” rispetto alle regole, che vanno a danneggiare quasi 3mila attività regolari. Quindi, si calcola che per ogni tre imprese regolari vi sia almeno 1 attività “fantasma”. In Sardegna, nel settore operano circa 4mila imprese che danno sostentamento economico ed occupazionale a migliaia di famiglie della regione. Tutto ciò però è a forte rischio a causa della concorrenza sleale di centinaia e centinaia di operatori abusivi che, non rispettando nessun tipo di legge e soprattutto sentendosi impunibili, svolgono l’attività quotidianamente nelle abitazioni dei clienti o in locali non idonei.

Maria Foddai 2024

Questo fenomeno è stato aggravato dalle conseguenze della pandemia Covid-19 che hanno consentito l’inserimento nel mercato di figure che, a dispetto delle disposizioni di chiusura di saloni di acconciatura e centri estetici, hanno erogato prestazioni a domicilio, sottraendo in tal modo clientela agli operatori regolari. Si aggiunge al quadro il recente proliferare di piattaforme online che operano indisturbate, proponendo prestazioni a domicilio o addirittura in forma ambulante, senza curarsi dei limiti imposti dalle normative di settore e dai regolamenti comunali.

DANIELE SERRA E GIACOMO MELONI CONFARTIGIANATO SARDEGNA
Daniele Serra e Giacomo Meloni, segretario e presidente di Confartigianato Sardegna.

«La campagna di sensibilizzazione – affermano Giacomo Meloni e Daniele Serra, presidente e segretario di Confartigianato Sardegna – mira ad accendere un faro anche sul tema del lavoro a domicilio mettendo in guardia i cittadini sul fatto che ricevere trattamenti nella propria abitazione o in locali non a norma è illegale e che scegliere di rivolgersi a imprese regolari vuol dire sostenere i diritti dei lavoratori, l’economia del Paese e lo sviluppo delle imprese. L’iniziativa è nata con l’intento di sensibilizzare la collettività sul fatto che affidandosi a operatori non qualificati ci si espone a seri rischi, per la pelle, per le unghie e per il cuoio capelluto. In una situazione di inosservanza delle norme vigenti, si può correre addirittura il rischio di ricevere a propria insaputa trattamenti che possono essere effettuati solo da personale medico specializzato, che possono comportare danni, perfino molto gravi, alla salute».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.