• 9 Dicembre 2021
  •  

Confartigianato Sardegna: troppe imprese non riceveranno aiuti dallo Stato

Confartigianato Sardegna

Allarme di Confartigianato Sardegna: «Decreto Ristori, troppe imprese non riceveranno aiuti dallo Stato: necessario un decreto bis. Fuori dal sostegno imprese dei trasporti, fotografia, ristorazione, turismo ed eventi.

«Troppe imprese sono rimaste fuori dal Decreto Ristori: occorre subito un “bis” che vada in aiuto delle realtà che non possono lavorare e che, a oggi, non riceveranno un euro dallo Stato. Per tutte queste attività e professioni è fondamentale avere la certezza di ristori adeguati, concreti e veloci».

Il Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna  Antonio Matzutzi lancia l’allarme e l’appello al Governo sulla situazione che si è venuta a creare nel settore artigiano della Sardegna dopo il DPCM firmato dal Presidente del Consiglio.

Confartigianato Sardegna sottolinea come dal primo Decreto siano rimaste fuori categorie come i Bus Operator e i Fotografi, solo per fare degli esempi, ma anche tutti quei mestieri artigiani che ruotano intorno alla produzione e servizi per la ristorazione e somministrazione, dalle pizzerie a taglio alle gastronomie, passando per rosticcerie e piadinerie, non ammesse ai contributi nonostante i vistosi e prolungati cali di fatturato, e quelle che gravitano nel turismo, negli eventi, nei convegni e nei congressi, di fatto senza mercato da 7/8 mesi.

Senza dimenticare le imprese appartenenti alle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, per le quali la Confederazione chiede di includere le imprese agroalimentari artigiane di prima trasformazione di prodotti agricoli (lavorazione carni e trasformazione dei prodotti caseari) che subiscono gravi danni economici a causa delle restrizioni imposte al settore della ristorazione.

L’Associazione Artigiana ricorda anche come la chiusura alle 18 di bar, pub e ristoranti stia danneggiando soprattutto le imprese, alimentari e non, che lavorano direttamente e nell’indotto della ristorazione in Sardegna. Tra panifici, caseifici, salumifici, birrifici e produttori di bevande, panifici e pastifici, aziende conserviere e della trasformazione dei prodotti orticoli ma anche aziende del trasporto merci, lavanderie e delle pulizie, al lavoro ci sono circa 5mila imprese artigiane e che offrono lavoro a oltre 13mila dipendenti in tutta l’Isola.

In ogni caso, per tutte le imprese che sono in crisi, Confartigianato Sardegna chiede la velocizzazione del trasferimento al Fondo di Solidarietà Bilaterale dell’Artigianato delle risorse per erogare la cassa integrazione ai dipendenti delle imprese artigiane ed eliminare contributi addizionali e le condizionalità per l’accesso delle imprese alle nuove ulteriori settimane di cassa integrazione.