• 18 Ottobre 2021
  •  

Chiusura Dialisi di Ozieri, il presidente dei Medici Nicola Addis scrive all’assessore Nieddu

OZIERI. Sulla situazione del Servizio di Nefrologia e Dialisi di Ozieri è interventuto il presidente dell’Ordine dei Medici di Sassari Nicola Addis con una lettera indirizzata all’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu, al direttore dell’Ats Giorgio Steri e al direttore dell’Assl di Sassari Flavio Sensi affinchè si attivino per scongiurare la chiusura del servizio ospedaliero di dialisi del Segni e i Cal di Bono e Thiesi. Allo stesso tempo il presidente Addis auspica un maggior interessamento per l’ospedale e il distretto sanitario ozierese. Di seguito il testo integrale della lettera:

«Gentile Assessore, gentili Direttori,
è stata posta alla mia attenzione, per l’ennesima volta, da cittadini di Ozieri e del circondario, da operatori sanitari e pazienti, il grave problema riguardante la Dialisi di Ozieri e di conseguenza il CAL – Centro di Assistenza Limitata – di Bono e di Thiesi.
Quanto riferito non può non indurre una seria riflessione, in quanto si inserisce in un quadro preoccupante, riguardante il Presidio Ospedaliero di Ozieri, nel quale si assiste ad un pensionamento di diverse figure apicali, al quale a breve potrebbero aggiungersene altre , senza che si provveda alla loro sostituzione.
Recentemente ero intervenuto per il Servizio Diabetologia dell’Ospedale, che segue anche l’Ambulatorio di Bono, cui afferiscono i Pazienti del Goceano, in grande sofferenza per la carenza di personale medico nonché per motivi logistici.

Attualmente il Servizio di Nefrologia e Dialisi di Ozieri, per quanto riguarda la Dialisi, consta di 3 medici, un coordinatore infermieristico, otto infermieri professionali, due Operatori socio sanitari e una figura generica.
A dicembre è previsto il pensionamento di uno dei medici ed anche un altro, potrebbe lasciare a breve, con la conseguenza che l’ unico Medico che rimarrebbe in servizio non potrebbe rispondere adeguatamente alle necessità dell’Utenza.
La prospettiva nell’immediato futuro (dicembre 2020) se non venissero adottate tempestive ed idonee soluzioni è il declassamento da Dialisi Ospedaliera a CAL (Centro di Assistenza Limitata), se non la chiusura definitiva per il mancato reperimento di Nefrologi presso la struttura.
Non possiamo permettere che pazienti, già costretti al disagio del trattamento dialitico trisettimanale, debbano spostarsi in altri centri ancora più distanti, con ulteriori criticità, anche per quanto riguarda gli accompagnatori.
Credo che una maggior attenzione nei confronti dei piccoli ospedali, come quello di Ozieri, che proprio nel periodo emergenziale COVID-19 hanno svolto un ruolo fondamentale per le patologie NO COVID, sopperendo alla diminuita risposta dell’AOU, concentrata per rispondere all’ emergenza COVID-19».

Nicola Addis, presidente dell’Ordine dei medici chirughi e degli odontoiatri della Provincia di Sassari

Leggi anche “I pazienti dializzati si appellano al Ministro Speranza per salvare il servizio ospedaliero di Nefrologia e Dialisi del Segni di Ozieri”