• 9 Dicembre 2021
  •  

Ordine dei Medici, Addis: «Siamo in guerra, ma non perdiamo la speranza»

Nicola Addis

«Siamo in guerra, ma non perdiamo la speranza». Questo in sintesi l’auspicio che si evince dall’intervento di Nicola Addis, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Sassari, preoccupato sul malessere sempre più evidente che serpeggia all’interno delle strutture sanitarie, dove la tensione causata dall’emergenza Covid-19 sta portando a galla tutte le inefficienze di un sistema non adeguatamente attrezzato e preparato per affrontare situazioni di questa portata.

«Cittadini contro Medici, Medici contro Medici, Medici contro i Responsabili della Sanità, Responsabili della Sanità contro Medici. Questo è il vero e proprio campo di battaglia descritto, quasi quotidianamente dai Giornali e dai Media in generale. Questo è quanto arriva giornalmente alla mia attenzione come Presidente di un Ente Pubblico qual è l’Ordine dei Medici».

Ma non solo: «I Cittadini segnalano criticità di ogni tipo – continua il Presidente –: mancate visite specialistiche, giorni di quarantena  senza riuscire a sottoporsi al tampone per Sars Cov2 ed un elenco di tante altre difficoltà da riempire più di un foglio».

«Medici che, in barba al Codice Deontologico (che impone il rispetto reciproco) si accusano a vicenda anche sulla Stampa (come accaduto recentemente per i Medici del 118 contro i Medici di Medicina Generale) – denuncia ancora Addis –. Medici delle Strutture Sanitarie contro i Vertici. I Vertici che aprono procedimenti disciplinari contro i Medici che esternano le criticità sulla Stampa e che faccio mie avendone diretta conoscenza, devono sostenere gli Operatori Sanitari, che in quanto pochi, sottoposti ad uno stress insopportabile e a turni massacranti, sono allo stremo».

«Questo è quanto arriva giornalmente alla mia attenzione come Presidente di un Ente Pubblico qual è l’Ordine dei Medici. I Cittadini segnalano criticità di ogni tipo: mancate visite specialistiche, giorni di quarantena senza riuscire a sottoporsi al tampone per Sars Cov2 ed un elenco di tante altre difficoltà da riempire più di un foglio».

Il presidente Addis entra poi nel merito di alcune scelte politiche: «Capisco in parte le difficoltà della Politica, impegnata a districarsi nello stabilire il colore delle Zone. Sicuramente entrano in ballo aspetti politici, socio economici (apertura di alcune attività e chiusura di altre senza un criterio comprensibile), educativi le scuole aperte adottando azioni preventive insufficienti, quali i test solo su base volontaria al personale ma non sugli studenti, e che infatti hanno subito mostrato delle falle con chiusure sin dai primi giorni)». «Ma certo in tali decisioni non si è sufficientemente tenuto conto – continua il Presidente –, che la Salute va messa al primo posto, sottovalutando la situazione reale delle strutture sanitarie che non reggono più al carico assistenziale richiesto. Soste dei pazienti in Pronto Soccorso anche di due giorni prima di essere ricoverati; reparti di degenza che, uno dopo l’altro vengono convertiti in reparti Covid e di Terapia Intensiva. I Pazienti di altre Patologie non hanno forse gli stessi diritti?».

«Siamo in guerra e ci hanno sempre detto che in guerra tutto è permesso. Non credo che sia così. Non con le divisioni, ma solo con uno sforzo comune si potranno ottenere risultati vincenti. Ci aspettano ancora mesi critici! La speranza è riposta nei nuovi farmaci e nei vaccini che tra qualche mese ci permetteranno di affrontare con maggior sicurezza questo nemico invisibile ed insidioso. Non perdiamola!», conclude il Presidente dei Medici di Sassari Nicola Addis.

Leggi anche: ORDINE DEI MEDICI, NICOLA ADDIS: «OSPEDALI DEL NORD SARDEGNA IN EMERGENZA»