• 18 Aprile 2021
  •  
Logudorolive

Covid-19: situazione critica a Benetutti, Berchidda e Oschiri

Covid-19 in Sardegna

Situazione critica a Benetutti, Berchidda e Oschiri. Questa sera infatti i tre sindaci hanno dato comunicazione di ulteriori casi di contagi nelle proprie comunità e preso importanti decisioni.

BENETUTTI. Nel centro del Goceano, il sindaco Enzo Cosseddu ha infatti reso noto la positività di 17 persone, 2 delle quali ricoverate in ospedale. Una decina invece le persone in attesa dell’esito del tampone, 36 quelle in quarantena.

«Una crescita notevole dei contagi – commenta Cosseddu –, soprattutto se si considera che nei giorni scorsi e per circa una settimana, Benetutti era uno dei pochi comuni in Sardegna, assolutamente “covid-free”».

«Pertanto – fa presente il Sindaco –, dopo aver consultato la pediatra, dottoressa Porqueddu, il dirigente scolastico, dottor Figus, comunico che le lezioni scolastiche di ogni ordine e grado – materna, elementari e medie –, domani saranno sospese. Mi riservo, una volta ponderata la situazione, di emanare un’ordinanza per una chiusura adeguata alle circostanze, poiché è imperativo salvaguardare la salute dei nostri giovani e giovanissimi compaesani, delle loro famiglie e di tutta la comunità».

BERCHIDDA. Il sindaco Andrea Nieddu, sempre nella serata di oggi, ha invece comunicato l’avvenuto riscontro di altre 2 positività, che sommate alle 6 precedenti, portano a 8 il numero dei casi ufficiali finora registrati in paese. A questo dato però vanno aggiunti altri 19 casi sospetti e quindi ancora da certificare dall’Ats. A fronte di questa situazione e con ancora un centinaio di persone in quarantena, il sindaco ha disposto la chiusura degli uffici comunali e, a partire da domani fino al 17 novembre compreso, il plesso della scuola Primaria. Da martedì 17, infine, è prevista una serata di screening Covid per il personale del Comune e per tutte le persone del paese interessate ad effettuare gli esami del caso.

OSCHIRI. «Il numero ufficiale dei contagi da coronavirus è pari a 28, informalmente siamo a conoscenza di altri 2 casi che potrebbero diventare contagi ufficiali a breve. I cittadini in quarantena, sulla base delle informazioni in nostro possesso, sono circa 140, in aumento rispetto a venerdì scorso».

Così il sindaco di Oschiri Roberto Carta che, considerata la situazione emergenziale e sentita la dirigente scolastica, ha ordinato la chiusura della scuola primaria e della scuola per l’infanzia fino al 17 novembre compreso. Inoltre ordina la prosecuzione della chiusura della scuola media, precedentemente prevista con provvedimento della dirigente scolastica fino al 15 novembre, dal 16 al 22 novembre.
«Prima della riapertura delle scuole – comunica il Sindaco – abbiamo previsto l’organizzazione di uno screening mediante tamponi rapidi antigenici sugli studenti, sul personale docente e sul personale ATA della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Oschiri. I suddetti soggetti verranno coinvolti su base volontaria e dovranno presentare apposita liberatoria».

«Stiamo predisponendo l’organizzazione di alcuni drive-in, rivolti di volta in volta a categorie specifiche – aggiunge Carta –, per avere un quadro il più possibile reale della situazione di contagio nel nostro paese. Le modalità e le condizioni di partecipazione verranno rese note nei prossimi giorni».
«Il Comune, inoltre – conclude il Sindaco –, si doterà di un congruo numero di tamponi rapidi per assicurare un pronto intervento nei casi particolari che potranno verificarsi e per i quali saranno importantissimi i tempi rapidi per l’esecuzione dei tamponi e i relativi referti».