• 23 Febbraio 2024
  •  

Ex primario dell’ospedale di Ozieri richiamato in servizio, Cocco: «Mi è sfuggito qualcosa?»

Cocco Segni 3
Il consigliere regionale di minoranza mette in risalto la paradossale vicenda di un medico, prima mandato in pensione, nonostante la richiesta di permanenza in servizio fino a 70 anni, poi richiamato al lavoro per mancanza di personale e a costi superiori.

Per dare una risposta alla grave carenza di personale medico nella sanità sarda, nei giorni scorsi l’assessore regionale Carlo Doria ha invitato i direttori generali delle aziende sanitarie dell’isola, ad arruolare nuovo personale tra i medici in pensione che non abbiano compiuto 70 anni di età. Fin qui niente di strano, se non fosse che questo indirizzo vada a sconfessare o a rendere incomprensibili certe altre decisioni prese solo qualche mese fa – quando c’erano gli stessi problemi di organico – ossia dato seguito ai licenziamenti anche nei casi di richiesta di permanenza in servizio.

Webp.net gifmaker 1

Su questo punto è intervenuto su un social il consigliere e vice presidente della Commissione Sanità regionale Daniele Cocco, che ha messo in risalto la vicenda di un ex direttore di un reparto dell’ospedale “Segni” di Ozieri. Nel 2021, scrive Cocco – il medico viene prima «autorizzato dal responsabile regionale dell’Ats a rimanere in servizio fino al 31 dicembre del 2023, nonostante avesse già compiuto 67 anni di età», poi però «improvvisamente – evidenzia Cocco – a dicembre 2022 il primario in questione viene invitato cordialmente ad andare in pensione nonostante la gravissima carenza di personale medico», in particolare a Ozieri.

Qualche giorno fa – secondo Cocco – lo stesso medico è stato «contattato» e gli sia stata offerta la «possibilità di tornare al lavoro con spese molto più esose…». Da qui la domanda ironica del consigliere: «Mi è sfuggito qualcosa o c’è qualcosa di tanto strano che qualcuno non vuole raccontare?».

Cocco Ozieri

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.